Calcolo efficacia DPI Rischio Rumore

Riguarda la sicurezza e l'igiene sul lavoro

Moderatore: Ugo Fonzar

Rispondi
Sercanepazzo
Messaggi: 463
Iscritto il: mer gen 14, 2009 2:49 pm

Calcolo efficacia DPI Rischio Rumore

Messaggio da Sercanepazzo » dom feb 03, 2019 12:36 am

Salve a tutti, e buon anno essendo il mio primo post 2019.
Vi chiedo conferma e confronto rispetto a quanto segue:

Nel calcolo con metodo SNR per l'efficacia ed efficacia reale del DPI ho da sempre approcciato con il calcolo del L'aeq

L'aeq = Lceq - SNR

successivamente tenendo conto dei vari fattori che possono incorrere, calcolo del valore di attenuazione reale:

L'aeq r = Lceq - SNR '
dove SNR ' altro non è che il valore SNR moltiplicato per il fattore B (che indica la 9432 per cuffie 0,7 inserti 0,5 e 0,3)

Detto questo primo problema:
1) la passata valutazione del cliente condotta da altri ha posto la verifica dell'efficacia dei DPI attraverso l'analisi del Leq in curva A

Laeq - SNR

traducendo questo calcolo in una serie di situazioni di accettabilità per la quali adesso io invece ho una situazione diametralmente opposta.

2) da quanto sopra mi trovo a dover portare le considerazioni sul fatto che gli inserti in consegna non siano sufficienti per larga parte dei compiti stabiliti.

E fin qui tutto chiaro, io vado del mio pensiero forte che la mia teoria la riscontro nelle norme e tali principi cerco di applicarli al meglio dandone poi l'esito al cliente, il quale tuttavia mi ha risposto alla mia bozza di relazione con:

" è evidente che una cosi tale differenza in risultati, che per anni non hanno presentato dubbi ne problematica, pone la sua persona in una posizione di dubbio e di difficile interpretazione, andandoci fondamentalmente a dire che fino ad oggi non ci siamo accorti di un problema già studiato, analizzato e confrontato tra le parti attrici di questo settore aziendale. Inviatiamo a considerare al meglio quanto affermato e ponendoci la base di un riscontro quanto più normativo possibile in sostegno a quanto espresso, senza scartare l'ipotesi di un confronto con chi prima di lei abbia gestito tali aspetti "

Ora, a me par vero anche mettermi a tavolo con chi abbia condotto 4 anni fa tale valutazione, e alla mia sinistra la 9612 a destra la 9432 e al centro l'81; ma detto tra noi, voi come vi comportereste?

Grazie!!

ursamaior
Messaggi: 420
Iscritto il: sab giu 30, 2007 9:04 am

Re: Calcolo efficacia DPI Rischio Rumore

Messaggio da ursamaior » lun feb 04, 2019 8:23 pm

Se le cose stanno come dici tu, non vedo cosa ci sia da discutere.
Mi sono trovate in qualche occasione in situazioni similari, nella quale il cliente non poteva credere che l'ultimo arrivato (io) potesse confutare ciò che fino a quel momento era l'ortodossia.
È un bello shock, ma c'è poco da discutere.
Chi ha calcolato l'attenuazione usando la curva di ponderazione A, ha sottostimato il fenomeno acustico se questo è composto da frequenze medio-basse.
E, a prescindere, stando alle norme tecniche, avrebbe dovuto misurare il Leq in C e sottrarre il SNR.
Che poi, dico io... Già il metodo SNR è l'equivalente della misura il diametro di una matita col righello anziché il calibro, manco la decenza di usare un righello con unità di misura corretta...

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8081
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: Calcolo efficacia DPI Rischio Rumore

Messaggio da Ugo Fonzar » mar feb 05, 2019 7:25 pm

confrontati con gli aspetti tecnici puntuali e le formule

se poi l'altro inizierà a dire "ma ci vuole il buon senso", oppure "non siamo tuttologi"
ti alzi e vai che non hai da perder tempo ;)
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

Sercanepazzo
Messaggi: 463
Iscritto il: mer gen 14, 2009 2:49 pm

Re: Calcolo efficacia DPI Rischio Rumore

Messaggio da Sercanepazzo » mar feb 26, 2019 12:46 am

Grazie delle info e della conferma...
mi ero ripromesso di rispondere poi sono arrivato alla fine della questione, e, pertanto faccio entrambi, rispondervi, ringraziarvi e raccontarvi.

Mi solleticava l'idea di sedermi a quel tavolo e aprire come premessa
" sapete che dicono Ursa e Ugo? Bene arrivederci " :mrgreen:

in realtà il confronto non si è mai concretizzato, dal momento che alla mia risposta in cui citavo fedelmente i riferimenti della norma, dopo qualche giorno sono stato invitato in azienda, ma non per confrontarmi, quanto piuttosto per andare avanti nel lavoro e parlare di come la valutazione stava volgendo, e comprendere insieme ai vari destinatari come gestire ciò che sarebbe stato il risultato di li a poco.

Non solo, l'incontro è stato volto anche a capire se potessi dar loro una mano sulla parte del rischio chimico derivante dai fumi di saldatura, visto che fino ad oggi il loro DVR ne parlava solo in qualche paragrafo e con qualche calcolo tirato fuori da algoritmi per valutazioni preliminari.

Dopo che ho iniziato a parlare di quali analiti dovessere interessarci e come andarli a "stanare" il RSPP mi ha fermato con un:
" bene bene, ci mandi un preventivo, ma lo mandi direttamente a me ".

Insomma, tutto bene quel che finisce bene. :wink:

Rispondi