cataforesi

Qui si discute del rischio di esplosione e dei prodotti in costruzione "antideflagrante"

Moderatore: Ugo Fonzar

Rispondi
Tazio
Messaggi: 42
Iscritto il: sab nov 28, 2009 10:51 am

cataforesi

Messaggio da Tazio » mer gen 16, 2019 12:51 pm

Buongiorno a tutti! chiedo un consiglio su come poter considerare un impianto di cataforesi: come calcolereste, in ottica atex, la quantità d'idrogeno che si può generare dall'elettrolisi del liquido utilizzato?

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8081
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: cataforesi

Messaggio da Ugo Fonzar » mer gen 16, 2019 5:06 pm

secondo me ci sono pubblicazioni online che spiegano la cosa
hai trovato qualcosa?
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

Tazio
Messaggi: 42
Iscritto il: sab nov 28, 2009 10:51 am

Re: cataforesi

Messaggio da Tazio » mer gen 16, 2019 10:50 pm

Ho guardato ma non ho trovato molto in merito all'Atex...sembrerebbe che gli ioni H+ che si generano dall'elettrolisi reagiscono con ioni acidi formando acido (acetico o formico) nella soluzione (che sarà poi scaricata e sostituita con acqua demineralizzata).
Se così fosse, non penso che via sia un rilascio significativo di idrogeno in ambiente..
Non sono un esperto di cataforesi....cosa ne pensate?

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8081
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: cataforesi

Messaggio da Ugo Fonzar » mer gen 16, 2019 11:04 pm

non saprei
se fossi in galvanica sì: H2 a manetta

bisogna trovare qualche esperto del settore
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

Tazio
Messaggi: 42
Iscritto il: sab nov 28, 2009 10:51 am

Re: cataforesi

Messaggio da Tazio » gio gen 17, 2019 11:22 am

la prima vasca dell'impianto è di sgrassaggio elettrolitico.... In questa penso che l'idrogeno non sia trascurabile ma non so come poter calcolare quanto se ne genera....
A favore della sicurezza potrei considerare l'idrogeno che si può generare dall'elettrolisi di tutta l'acqua contenuta nella vasca ...(1 lt h20 per elettrolisi genera 1.358 m3 di idrogeno..).
troppo conservativo? altri consigli?

Gourdo
Messaggi: 5
Iscritto il: gio dic 06, 2018 12:09 pm
Località: Silea (TV)

Re: cataforesi

Messaggio da Gourdo » gio gen 17, 2019 1:19 pm

Buongiorno,
per la sgrassatura catodica, considerando che c'è elettrolisi solo in fase di immersione, io parto da amperaggio e tempi di immersione:

i - corrente [A]
t - tempo di immersione [s]

Calcolo i Coulomb: C = i x t
Il numero di elettroni ne è dato da:
ne = C / F
dove F è la costante di Faraday (96500 C/mol)

Sai che nell'elettrolisi per ogni 2 moli di elettroni si genera 1 mole di idrogeno, quindi il numero di moli di H2 è:
nH2 = ne / 2

Il volume di idrogeno è:
VH2 = nH2 x 22,414 l.

Il tutto ovviamente trascurando il rendimento, ché mi pare già un metodo sufficientemente opinabile.

Sulla cataforesi non mi è mai capitato di lavorare, però non credo sia molto diversa la questione.
Ho dato un occhio in letteratura: nell'eletroforesi anodica (anaforesi) gli ioni idrogeno si legano con altri ioni, neutralizzandoli. Mentre in quella catodica si fa riferimento solo agli ioni ossidrili. Il destino dell'idrogeno resta ignoto.

Tazio
Messaggi: 42
Iscritto il: sab nov 28, 2009 10:51 am

Re: cataforesi

Messaggio da Tazio » gio gen 17, 2019 3:10 pm

grazie mille! penso proprio di seguire il consiglio!

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8081
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: cataforesi

Messaggio da Ugo Fonzar » gio gen 17, 2019 3:21 pm

grazie Gourdo e benvenuto!
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

Tazio
Messaggi: 42
Iscritto il: sab nov 28, 2009 10:51 am

Re: cataforesi

Messaggio da Tazio » gio gen 17, 2019 3:21 pm

l'ultima cosa: navigando ho trovato conferma di quanto detto da Gourda , ma nell'esempio che allego non capisco come si ottengono i 52 Faradays indicati....scusate la testardaggine...
Allegati
20190117_151541.jpg
20190117_151541.jpg (284.3 KiB) Visto 386 volte

Gourdo
Messaggi: 5
Iscritto il: gio dic 06, 2018 12:09 pm
Località: Silea (TV)

Re: cataforesi

Messaggio da Gourdo » ven gen 18, 2019 6:22 pm

:?
Mmh.. ho trovato cosa fare nel fine settimana.

Comunque ho sentito oggi un tecnico che si occupa di verniciatura cataforetica, è anche sua opinione che l'idrogeno prodotto venga rilasciato in fase gassosa. Ovviamente non è legge, ma ritengo utile riferirlo.
Ugo Fonzar ha scritto:grazie Gourdo e benvenuto!
Grazie a te Ugo! Sono un consumatore feroce di questo forum che ha deciso di fare coming out.

Tazio
Messaggi: 42
Iscritto il: sab nov 28, 2009 10:51 am

Re: cataforesi

Messaggio da Tazio » sab gen 19, 2019 8:23 am

Condivido la grande utilità di questo Forum, dove ho trovato sempre grande disponibilità e altissima professionalità da parte di tutti...
Tornando all'argomento, penso anche io che durante la cataforesi non si possa escludere a priori il rilascio di idrogeno, motivo per il quale sarei portato a valutarla come la fase di sgrassaggio....
Per quanto riguarda i 52 Faraday dell'esempio, o mi sfugge qualcosa, o è un errore o non so proprio come si ricavino.... :( .

Gourdo
Messaggi: 5
Iscritto il: gio dic 06, 2018 12:09 pm
Località: Silea (TV)

Re: cataforesi

Messaggio da Gourdo » lun gen 28, 2019 2:22 pm

Scusa l'assenza.
Non sono riuscito a dedicarci molto tempo, ma leggendo in giro trovo conferma di ciò che ti avevo esposto e al contempo non riesco a far saltar fuori tutti quei Faraday.
Mi potresti dare la fonte del testo che hai riportato?
Perché la cosa a questo punto mi preoccupa.
Grazie.

Tazio
Messaggi: 42
Iscritto il: sab nov 28, 2009 10:51 am

Re: cataforesi

Messaggio da Tazio » lun gen 28, 2019 2:44 pm

ho trovato l'esempio navigando in Internet a questo indirizzo:
http://www.greenworks.it/index.php/risc ... -galvanici
anche io non riesco a tirarli fuori....

Gourdo
Messaggi: 5
Iscritto il: gio dic 06, 2018 12:09 pm
Località: Silea (TV)

Re: cataforesi

Messaggio da Gourdo » mar feb 05, 2019 11:07 am

Ho avuto un po' di tempo per analizzare meglio la faccenda e sono giunto alla seguente conclusione: l'esempio è giusto ma è presentato in modo confuso.

Sono partito dalla portata di idrogeno riportata alla fine: 1,45 E-06 kg/s.
Se i grammi sviluppati sono 52, allora il tempo considerato è di 10 ore.
Questo, unitamente al riferimento ai 1352 g di cromo, mi ha portato a pensare che si stia parlando di una vasca di cromatura a spessore.
E in questo caso i 52 faradays si riferiscono al solo idrogeno prodotto durante la riduzione del cromo (da Cr6 a Cr0).

Per verificare la tesi, avendo tutti i dati, ho provato a calcolare la corrente richiesta che mi risulta, considerando un rendimento di reazione del 10%, di circa 4200 A.

m = 1352 g
PM = 52 g/mol
z = 6 (equivalente di reazione)
t = 10 h
u = 0,1 (rendimento)

i = (1352 * 6 * 96500) / (52 * 10 * 3600 * 0,1) = 4181 A

Tempi di deposizione (10 h), rendimento (10%) e amperaggio (4200 A) sono quindi coerenti per una cromatura a spessore.
Da questi dati si ottengono circa 26 moli di cromo, che per stechiometria danno 26 moli di idrogeno e quindi 52 moli di elettroni.

Secondo me l'hanno preso da qualche altra parte e l'hanno riproposto su quella pagina. Perché la frase "ma i Fara­days com­p­lessivi sono pari a 52" è proprio un colpo di scena inaspettato.

Attenzione: l'esempio non considera che il restante 90% della corrente utilizzata va a produrre idrogeno per elettrolisi dell'acqua.

Questa è ovviamente la mia personale interpretazione.
Poi magari non ho capito nulla io e lancio nel web numeri a caso.

Rispondi