marcatura Atex polveri

Qui si discute del rischio di esplosione e dei prodotti in costruzione "antideflagrante"

Moderatore: Ugo Fonzar

Rispondi
fla
Messaggi: 14
Iscritto il: mar giu 05, 2012 2:45 pm

marcatura Atex polveri

Messaggio da fla » ven feb 14, 2020 12:42 pm

Ciao a tutti!
una curiosità...
Nella targhetta di un essiccatore di polveri il costruttore deve riportare la massima temperatura superficiale che può raggiungere la macchina (in funzionamento ordinario o di guasto a seconda della categoria 1D, 2 D o 3D) oppure può indicare la temperatura di autoaccensione minima della polvere utilizzabile dalla macchina stessa.
Mi è capitato che un costruttore comunica al cliente che da analisi dei richi l'essiccatore può raggiungere una temperatura massima di 200°C, ma sulla targhetta invece di riportare T200°C, indica T300°C.
In pratica il costruttore effettua già il calcolo delle “Limitazioni di temperatura a causa della presenza di nubi di polvere” (3/2 * 200°C = 300°C).

ciao

Rispondi