Marzio /Ugo help!

Qui si discute del rischio di esplosione e dei prodotti in costruzione "antideflagrante"

Moderatore: Ugo Fonzar

Rispondi
Alex.Barale
Messaggi: 6
Iscritto il: ven feb 02, 2018 11:38 am

Marzio /Ugo help!

Messaggio da Alex.Barale » mer nov 21, 2018 8:24 pm

Situazione paradossale.
Coclea trasporto polverino di nuovo acquisto. Polverino legno in campo atex (prove granulometriche confermano, caduta da silo mediante la solita stellare).
Scritto sul certificato del produttore espressamente: non prevista per impiego in zone a rischio esplosione. Acquisto del 2018.
È salvabile con le accortezze oppertune di prevenzione e protezione (es. < 1 m/s, ecc. Non fattibile inumidmento per problemi di processo) o è da adeguare e marcare ce atex?

Il cliente me lo liquida con: no sorgenti innesco interne quindi no problemi atex marcatura (ovviamente non ga compreso la complessità della questione)

Sono convinto che è da adeguare, ma quella parte empatica della mia indole mi porta a cercare eventuali alternative senza inficiare la sicurezza.

Scusate la domanda sicuramente stupida, ma vorrei un consiglio

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8117
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: Marzio /Ugo help!

Messaggio da Ugo Fonzar » gio nov 22, 2018 9:55 am

è un cambio di destinazione d'uso non previsto dal fabbricante originale
e quindi da fare il CE ex novo (che sia poi tutte interne le atex e che tu devi rispondere al res 1.5.7 lo stesso è la solita diatriba)
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

andrea.ciresa
Messaggi: 46
Iscritto il: mar mag 23, 2017 11:55 am

Re: Marzio /Ugo help!

Messaggio da andrea.ciresa » gio apr 11, 2019 5:21 pm

Replico il post,
per non aumentare i temi. premetto che non conosco la materia e mi sto affidando totalmente. quindi chiedo senza remore di essere mandato a studiare... letteralmente...

un magazzino atex ed uno non atex possono essere collegati? e se sì come? se no, cosa devo fare per permetere un passaggio tra i due?

grazie a chiunque voglia darmi un suggerimento, anche su quali UNI andarmi a prendere per capire la cosa.

grazie
Andrea

weareblind
Messaggi: 1545
Iscritto il: mar apr 13, 2010 1:17 pm
Località: Como

Re: Marzio /Ugo help!

Messaggio da weareblind » gio apr 11, 2019 5:27 pm

Io non ho capito cosa è un magazzino ATEX e cosa non lo è. Cosa intendi?
We are blind to the world within us

maremotus
Messaggi: 170
Iscritto il: dom lug 26, 2009 10:58 pm

Re: Marzio /Ugo help!

Messaggio da maremotus » gio apr 11, 2019 5:53 pm

andrea.ciresa ha scritto:
gio apr 11, 2019 5:21 pm
Replico il post,
per non aumentare i temi. premetto che non conosco la materia e mi sto affidando totalmente. quindi chiedo senza remore di essere mandato a studiare... letteralmente...

un magazzino atex ed uno non atex possono essere collegati? e se sì come? se no, cosa devo fare per permetere un passaggio tra i due?

grazie a chiunque voglia darmi un suggerimento, anche su quali UNI andarmi a prendere per capire la cosa.

grazie
Andrea
forse vuoi intendere che in un magazzino ci sono sostanze che possono produrre atmosfere esplosive e nell'altro no?
nella norma vecchia e in quella nuova non c'è alcun riferimento specifico esplicito
per cui, in queste ipotesi, il "collegamento", immagino porte e portoni di accesso, non devono essere particolari
si deve solo indicare ai lavoratori, mediante segnaletica verticale e orizzontale, quali sono le zone a rischio esplosione
fai attenzione che le zone pericolose prodotte nel "magazzino ATEX" non si estendano anche nell'altro
mi chiederai: "come faccio a saperlo?"
devi conoscere l'estensione delle zone prodotte nel "magazzino ATEX", se non le conosci non puoi dire nulla,
nella vecchia e nella nuova norma c'è un paragrafo appositamente dedicato che spiega come fare (vedi par. B.8 e tab. B2)

andrea.ciresa
Messaggi: 46
Iscritto il: mar mag 23, 2017 11:55 am

Re: Marzio /Ugo help!

Messaggio da andrea.ciresa » lun apr 15, 2019 9:08 am

Sì maremotus,
sono stato molto rapido nella descrizione ed ho omesso parecchie info. scusa wereblind, ma non ti avevo letto subito... spiego meglio... (spero)

la situzione è la seguente. ho un magazzino diviso in 2 parti, che era in mano al medesimo operatore. uno ospitava materiali e sostanze in grado di produrre atmosfere esplosive e l'altra parte ospitava materiali "normali". il magazzino per i materiali speciali, era stato modificato nelle componenti strutturali ed antincendio per poter operare in tal senso.

il contratto di affitto finisce, questo se ne va, smonta le sue scaffalature (in entrambi i magazzini), rimuove la linea sprinkler dedicata agli scaffali (in quello che ospita le sostanze pericolose), etc.

il magazzino è stato vuoto per un po' di tempo e ad oggi, abbiamo qualcuno che lì dentro ci vuole entrare. gli va bene che lo spazio sia diviso in 2 parti. si tratta di 5000 mq nel magazzino principale e circa 500 per quello che ha ospitato merci pericolose. esiste un passaggio, tra i due magazzini, ma è esterno e non coperto.

pertanto, questo nuovo potenziale inquilino, per entrare, richiede di mettere una porta di collegamento interna, all'immobile, che colleghi i due magazzini. al momento non so se l'operatore metterà merci pericolose nel magazzino "predisposto", pertanto, chiedevo il vs aiuto per una dritta sulla situazione. ed un suggerimento su dove guardare, per prescrizioni particolari, già affrontate e/o descritte in letteratura/legge.

e maremotus, un paio di elementi già me li ha dati...

spero di aver chiarito la situazione.
ciao
Andrea

maremotus
Messaggi: 170
Iscritto il: dom lug 26, 2009 10:58 pm

Re: Marzio /Ugo help!

Messaggio da maremotus » lun apr 15, 2019 10:06 am

andrea.ciresa ha scritto:
lun apr 15, 2019 9:08 am
pertanto, questo nuovo potenziale inquilino, per entrare, richiede di mettere una porta di collegamento interna, all'immobile, che colleghi i due magazzini. al momento non so se l'operatore metterà merci pericolose nel magazzino "predisposto", pertanto, chiedevo il vs aiuto ....
il mio parere, altamente tecnico, è che: sono fatti suoi e dei vigili del fuoco. :lol: :lol:

Rispondi