Domanda a TNE su manovre semplici e CEI 11-27

Riguarda gli impianti elettrici (forza motrice, illuminazione, ...)

Moderatore: Ugo Fonzar

Rispondi
Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8422
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Domanda a TNE su manovre semplici e CEI 11-27

Messaggio da Ugo Fonzar » ven nov 07, 2014 5:35 pm

L'art. 6.4.3.1 CEI 11-27 dice
[…] Se la permanenza in zona prossima di un PES/PAV è di breve durata (ad es. il tempo necessario per fare una manovra o una misura elettrica) la probabilità di compiere gesti involontari in quel breve lasso di tempo è trascurabile, per cui non è necessaria l’installazione di impedimenti.

Inoltre alla nota 52 si dice: “A tal fine si applica la norma CEI 17-82 … dove se sono rispettati i requisiti e le distanze previste e l’operazione da svolgere è semplice, come azionare un pulsante o eseguire una misura, non si tratta di lavoro elettrico.”

La mia domanda, noti i dettagli della 17-82, riguarda la qualifica e le caratteristiche dell’operatore. Spesso infatti nelle aziende ci si trova operatori di macchine che aprono il quadro elettrico a bordo macchina per riarmare interruttori o agire su contattori ecc (quando il manutentore elettrico non è presente o per necessità di produzione).
Nella nota si dice “non si tratta di lavoro elettrico” (anche se si invade una zona di prossimità di parti attive… quindi non servono DPI), mentre l’articolo fa riferimento al “PES/PAV”.
Nel caso specificato ovvero durante l’accesso all’interno di un quadro in cui ci sono parti accessibili (collegamenti, sbarre, ecc) in cui si effettuano manovre semplici rispettando le distanze e i requisiti della CEI 17-82, qual è il requisito necessario minimo per l’operatore?
A) Una PEC, come può essere in genere un operatore di macchina,
B) una PEC, come può essere in genere un operatore di macchina, però almeno formata e addestrata per agire sui componenti giusti in sicurezza
C) una PES/PAV (ad esempio il manutentore elettrico aziendale)

Risposta di TNE:
A nostro avviso almeno la soluzione b); certo la c) consente la certezza di evitare qualunque contestazione anche dovesse capitare un problema



---

grazie Marco
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

Rispondi