quesito su rischio fulminazione

Riguarda gli impianti elettrici (forza motrice, illuminazione, ...)

Moderatore: Ugo Fonzar

Rispondi
emmora
Messaggi: 17
Iscritto il: gio lug 17, 2014 3:18 pm

quesito su rischio fulminazione

Messaggio da emmora » lun mar 19, 2018 9:43 pm

ciao a tutti,
devo eseguire la valutazione del rischio fulminazione di un edificio sul cui tetto piano transita un tubo del gas.
come cambierebbe l'approccio tra il calcolo del rischio a edificio senza tubo ed edificio col tubo?
la cosa più comica è che l'edifico è provvisto di alcuni "spezzoni" di captatori dell'mpianto di protezione a maglia (ovvero l'impianto è incompleto in quanto varie parti sono andate "perdute" nel corso degli anni) e qualche bandella era stata attaccata al tubo del gas con fil di ferro. :lol: ma questa è un'altra storia .....
grazie

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8117
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: quesito su rischio fulminazione

Messaggio da Ugo Fonzar » mar mar 20, 2018 12:22 am

se passa qualche elettrico doc risponde
secondo me non influisce la sagoma dell'edificio
a meno che non crei zone 2 estese

poi se ci metti i parafulmini (per altri parametri) ovviamente... non farà da parafulmine sto tubo metallico... ;)
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

calmo
Messaggi: 237
Iscritto il: lun nov 16, 2009 6:43 pm

Re: quesito su rischio fulminazione

Messaggio da calmo » mer mar 27, 2019 3:56 am

immagino che tu ti riferisca al rischio di esplosione,
il tubo del gas che passa sul tetto è continuo o dotato di giunti ?
la norma cei 81-10 ti permette di non considerare il pericolo di esplosione in alcuni casi:
condizioni:
a) il tempo di presenza della sostanza esplosiva è inferiore a 0,1 ore/anno;
b) il volume dell’atmosfera esplosiva è trascurabile secondo la norma CEI EN 60079-10-1 e/o la norma CEI EN 60079-10-2;
c) la zona non può essere colpita direttamente dal fulmine e sono impedite scariche pericolose nella zona stessa.
La condizione c) di cui sopra è rispettata in quanto le zone pericolose si trovano all’interno di un edificio:
- protetto con LPS e/o;
- con struttura portante metallica e/o;
- in c.a. con ferri d’armatura continui e/o;
- in c.a. gettato in opera;
ed inoltre
- gli organi di captazione naturale, impediscano perforazioni o problemi di punto caldo nella zona
- gli impianti interni alla zona, saranno protetti contro le sovratensioni al fine di evitare scariche pericolose.


vedrai che se fai un calcolino atex ti troverai sicuramente nel caso a) e/o b) per cui fai il calcolo 81-10 senza considerare il rischio di esplosione.
P.s. ad ogni modo la valutazione la devi fare non solo per quello che ti trovi sul tetto ma anche per quello che si trova dentro l'edificio..........

Rispondi