Decreto n.28 e "esclusivamente"

Riguarda gli impianti meccanici (aeraulici, termici, antincendio, ...)

Moderatore: Ugo Fonzar

Rispondi
Gunter
Messaggi: 21
Iscritto il: lun feb 18, 2013 2:48 pm

Decreto n.28 e "esclusivamente"

Messaggio da Gunter » mer mag 14, 2014 8:18 am

immagino che tutti i termotecnici abbiano capito dove voglio andare a parare..
"ALLEGATO 3 (art. 11, comma 2)
2. Gli obblighi di cui al comma 1 non possono essere assolti tramite impianti da fonti rinnovabili che producano esclusivamente energia elettrica la quale alimenti, a sua volta, dispositivi o impianti per la produzione di acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il raffrescamento. "

se questa cosa l'avesse scritta mia figlia che ha 8 anni sarebbe stata molto + chiara!!!!

mi chiedo ma la poca chiarezza è "colpevole o colposa?"
è come forse le norme per l'editoria inserite nelle linee guida per la certificazione energetica??? (a pensare male non si sbaglia mai!)

ora, di progetti nuovi se ne fanno pochi ma quelli che si fanno devono essere efficienti poco costosi e rispettosi di tutto perchè altrimenti il progettista (che risponde in solido a differenza delle società costruttrici) viene impalato!

fatte le mie colorite e doverose premesse...
il dubbio è relativamente alla applicazione del rispetto del 35% e del 50% di copertura da fonte rinnovabile mediante l'apporto del fotovoltaico...

se vi leggete la DRG 26/09/2011 della regione Emilia Romagna capite che loro hanno corretto il decreto itagliano:
inserendo "... che producano esclusivamente energia elettrica utilizzata per la produzione diretta di energia termica (effetto Joule) per la produzione di acqua calda sanitaria"

Come vi comportate voi cari colleghi?
x me il chiarimento apportato dalla regione ER è doveroso e legittimo ma purtroppo vale solo la...
io sono propenso a considerare l'apporto dell'energia prodotta da fotooltaico e trasformata in energia termica per mezzo di pompa di calore...

salute

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8221
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: Decreto n.28 e "esclusivamente"

Messaggio da Ugo Fonzar » mer mag 14, 2014 10:43 am

ma se vuoi fare l'itagliano basta che tu in parallelo alla resistenza dello scaldabagno aggiungi una lampadina a led...o no?
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

Gunter
Messaggi: 21
Iscritto il: lun feb 18, 2013 2:48 pm

Re: Decreto n.28 e "esclusivamente"

Messaggio da Gunter » mer mag 14, 2014 2:20 pm

no la cosa è sottile!
il dubbio è ma ma i nostri legislatori l'hanno fatto apposta di dimenticare quella parentesi che poi in Emilia Romagna è stata inserita?

secondo me si!!!
ovvero se si può rispettare il 35% complessivo + il 50% di ACS da rinnovabile con solo una pompa di calore per produzione Acs con compressore da 350W e un impianto FV da 1kW (che peraltro risulta obbligatorio)...

credo che abbiano fatto un estremo favore ai produttori di solare termico,
infatti sul mercato sono spuntati numerosissimi i bollitori in pompa di calore con scambiatore supplementare per il solare termico...

poi ci sono quelli che producono pompe di calore a gas! e questi stragiurano che il decreto 28 non è spbagliato e che l'esclusivamente vuole escludere qualsiasi sistema FV abbinato a Pdc!
Un produttore di sistemi pompe di calore ad assorbimento a gas:
"<<Gli obblighi di cui al comma 1 non possono essere assolti ..... di acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il raffrescamento.>>
Citando nelle esclusioni anche i dispositivi e gli impianti per il reaffrescamento, l’allegato mostra esplicitamente di non riferirsi esclusivamente all’effetto Joule, e di voler includere nell’esclusione anche i refrigeratori e le pompe di calore ad azionamento elettrico."

quindi???
mettiamola dalla parte contraria!
mi compro un appartamento verifico che il titolo edilizio di costruzione era invalidabile per il mancato rispetto della copertura da rinnovabile...

salute

Mike
Messaggi: 958
Iscritto il: ven gen 26, 2007 12:37 am
Località: Conegliano (TV)
Contatta:

Re: Decreto n.28 e "esclusivamente"

Messaggio da Mike » gio mag 15, 2014 7:58 am

L'obbligo del FV non è di 1 kW ma di 1 kWp ogni 65 mq (50 dal 2015). Dopo di che trovo corretto che il fotovoltaico non sia utilizzato per alimentare impianti di riscaldamento a resistenze elettriche o scaldabagni elettrici.
Mike
--
Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre. (M.K. Ghandi)

Gunter
Messaggi: 21
Iscritto il: lun feb 18, 2013 2:48 pm

Re: Decreto n.28 e "esclusivamente"

Messaggio da Gunter » gio mag 15, 2014 11:17 am

giusto Mike !
anche io trovo assolutamente doveroso che il FV non alimenti impianti con resistenze elettriche, infatti la delibera di giunta ER vuole proprio evitare questo...
Il problema è che non trovo giusto che venga penalizzato l'utilizzo di pompe di calore! o che venga di fatto obbligato l'utilizzo di solare termico...
il sistema pompa di calore per produzione Acqua calda sanitaria e impianto fotovoltaico è vincente anche in termini di costi e di gestione!
il sistema solare termico ha 2000 problemi specialmente in impianti autonomi...
salute

Mike
Messaggi: 958
Iscritto il: ven gen 26, 2007 12:37 am
Località: Conegliano (TV)
Contatta:

Re: Decreto n.28 e "esclusivamente"

Messaggio da Mike » ven mag 16, 2014 12:32 am

E dove sta scritto che si penalizza la pompa di calore?
Mike
--
Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre. (M.K. Ghandi)

Gunter
Messaggi: 21
Iscritto il: lun feb 18, 2013 2:48 pm

Re: Decreto n.28 e "esclusivamente"

Messaggio da Gunter » mar mag 20, 2014 7:30 am

ovviamente sul fatto che è previsto che gli obblighi allegato 3 comma1 del Dlgs 28 :
"1. Nel caso di edifici nuovi o edifici sottoposti a ristrutturazioni rilevanti, gli impianti di produzione di energia termica devono essere progettati e realizzati in modo da garantire il contemporaneo rispetto della copertura, tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, del 50% dei consumi previsti per l’acqua calda sanitaria e delle seguenti percentuali della somma dei consumi previsti per l’acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il raffrescamento:
b) il 35 per cento quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è presentata dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2016;
Gli obblighi di cui al comma 1 non possono essere assolti tramite impianti da fonti rinnovabili che producano esclusivamente energia elettrica la quale alimenti, a sua volta, dispositivi o impianti per la produzione di acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il raffrescamento. "

quindi secondo una interpretazione restrittiva Fotovoltaico + pompa di calore per produzione ACS non soddisfa il 50% di ACS da sanitario...
attenzione la compensazione dell'energia per la verifica del 50% va fatta su base mensile!
per questo se vedete gli schemi di produttori di pompe di calore per produzione di ACS abbinano sempre 1 pannello solare termicho (che dal punto di vista logico e energetico non ha alcun senso!)

forse sono io che mi faccio troppi scrupoli, basterebbe un chiarimento come ha fatto la regione Emilia Romagna!
perchè sto chiarimento nessuno lo propone?
CTI, Assotermica, ENEA?

salute

Rispondi