Progettazione impianto condizionamento

Riguarda gli impianti meccanici (aeraulici, termici, antincendio, ...)

Moderatore: Ugo Fonzar

Rispondi
vutecco
Messaggi: 61
Iscritto il: lun feb 14, 2011 6:14 pm

Progettazione impianto condizionamento

Messaggio da vutecco » mer lug 04, 2012 11:14 am

Buongiorno,
nel caso in cui un'azienda ubicata in una zona classificata sismica di grado 1, 2 o 3 richiedesse un nuovo impianto di condizionamento che preveda l'installazione sul tetto di macchinari di particolare peso, al progettista (o comunque al titolare dell'attività) viene richiesta la verifica sismica del fabbricato alla luce dei nuovi carichi gravanti sul tetto?
Grazie.
Il lavoro è il rifugio di coloro che non hanno nulla di meglio da fare (Oscar Wilde)

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8221
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: Progettazione impianto condizionamento

Messaggio da Ugo Fonzar » dom lug 05, 2015 2:36 pm

sono "parti non strutturali" ma influiscono molto sulla dinamica dell'edificio... forse è meglio chieder allo strutturista...
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

SerafinoF
Messaggi: 1097
Iscritto il: ven giu 10, 2011 11:16 am

Re: Progettazione impianto condizionamento

Messaggio da SerafinoF » mar ago 04, 2015 10:46 am

Dipende davvero molto dal tipo di macchinari ma, anche avendo trattato grossi macchinari (ed intendo grossi davvero) non si è mai notata una loro incidenza sul comportamento dell'edificio al sisma ma c'è sempre una prima volta.
Diverso è invece l'effetto che il sisma potrebbe avere sui macchinari che, a mio avviso, deve sempre essere valutato.
Certamente la resistenza statica e dinamica (vibrazioni in particolare) della superficie di posa devono essere verificate e devono essere presi in considerazioni i rischi "collaterali" da sisma, come per esempio disaggi e percorsi delle tubazioni che contengono fluidi pericolosi, oppure la caduta dall'alto per distacco di certi parti della macchine od ancora la perdita di stabilità per deterioramento degli ancoraggi (e poi magari altro ancora).

In ogni caso direi che il titolare dell'attività deve (anche aiutato da collaboratori) valutare l'impatto dell'installazione sull'edificio.

Rispondi