Pulizia canali aria

Riguarda gli impianti meccanici (aeraulici, termici, antincendio, ...)

Moderatore: Ugo Fonzar

Rispondi
Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8328
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Pulizia canali aria

Messaggio da Ugo Fonzar » ven giu 17, 2005 12:36 am

Il problema ? veramente ampio e poco considerato... a tal proposito si ricorda quanto disposto dalle Linee guida (naz.) del 27/09/2001 - Accordo tra il Ministro della salute, le regioni e le province autonome sul documento concernente: ?Linee-guida per la tutela e la promozione della salute negli ambienti confinati?.
5.3.1 Indicazioni generali relative ai requisiti igienici per le operazioni di manutenzione degli impianti di climatizzazione
I sistemi di condizionamento dell'aria e di ventilazione devono essere progettati, costruiti ed istallati in modo tale da consentire la pulizia di tutte le superfici interne e di tutti i componenti, in conformit? alle disposizioni della ENV 12097 ("Rete delle condotte. Requisiti relativi ai componenti atti a facilitare la manutenzione delle reti delle condotte" - Gennaio 1997).
Ci? costituisce premessa indispensabile affinch? tali sistemi possano funzionare ed essere sottoposti a manutenzione in modo tale che i requisiti igienici siano permanentemente rispettati.
A questo proposito devono essere effettuate ispezioni tecniche e manutentive regolari insieme a frequenti controlli igienici da parte del personale interno all'azienda addetto alla manutenzione e ispezioni igieniche ulteriori a intervalli di tempo maggiori da parte di personale specializzato.
Si raccomanda di registrare ogni controllo.
In particolare il primo controllo deve avvenire contestualmente all'attivazione dell'impianto al fine di accertare che lo stesso sia stato posto in opera pulito (assenza di detriti e polvere di cantiere etc.)
Il limite ammissibile per il particolato depositato nei condotti d'aria considerati puliti, privi di rivestimento interno, ? 0,1 g/m2, le procedure per la prova, almeno per quanto riguarda le condotte non coibentate, sono quelle per aspirazione, secondo la metodologia descritta in NADCA - National Air Duct Cleaners Association (1996) "Mechanical Cleaning of HVAC systems - Specifications - Developed for Architects, Consultino Engineers, Facility Managers" Section 15891,2/96, Washington. DC.
Si raccomanda di controllare regolarmente i sistemi impiantistici per evidenziare eventuali contaminazioni e di pulirli, se necessario, ricorrendo a personale qualificato.
Un sistema pu? essere mantenuto pulito solo quando tutte le superfici del sistema (in particolare dei condotti d'aria ) non presentano accumuli di particolato ritenuti non accettabili.
La contaminazione pu? essere riferita sia alla presenza di agenti patogeni ben individuati (ad esempio quelli classificati a maggior rischio nella 626/94), sia al superamento delle concentrazioni limite della carica micotica e batterica.
Per le condotte pulite, prive di rivestimento interno, il NADCA fornisce i seguenti valori limite: carica batterica < 30.000 CFU/g, carica micotica < 15.000 CFU/g.
Il limite perla contaminazione ammissibile nei condotti d'aria ? 1 g/m2; le procedure per la prova, almeno per quanto riguarda le condotte non coibentate, sono quelle per aspirazione, secondo la metodologia descritta in NADCA 1.
Si raccomanda di ispezionare regolarmente i filtri e, se vi ? una evidente contaminazione, di rimpiazzarli, senza considerare la loro vita utile.
In tal senso si valuta che ? necessario provvedere ad una periodica pulizia dei canali d?aria di tipo meccanico ad esempio ogni TOT anni di utilizzo del sistema di condizionamento dello stabile: ci? dipende dall?inquinamento esterno, dalle ore di funzionamento dell?impianto e dall?efficienza di filtrazione.

Un esempio di previsione un impianto ipotetico viene di seguito riportato (sono stati assunti dei valori verosimili dove indicato con ???):
  • Calcolo del tempo per avere particolato 0,1 g/mq
    Portata d'aria 500 mc/h
    Ore di funzionam./gg 10 h/gg
    gg di funzionam/anno 220 gg/anno
    Polveri nell'aria esterna 35 ?g/mc ?
    Classe filtrazione F5 50,0% ?
    Polvere in un anno 19 g/anno
    Polvere che si deposita 2,0% ?
    Sup. tot canali mandata 25 mq
    Polvere al mq all'anno 0,0154 g/mq/anno
    Durata per pulizia per arrivare a 0,1 g/mq = 6,49 anni
Quindi ogni 6-7 anni pulire "il particolato" (ovviamente non si pu? fare un calcolo per i batteri...)
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

Rispondi