TURBINA A VAPORE

Riguarda le macchine immesse sul mercato o messe in servizio pre-direttiva macchine (in Italia 21 settembre 1996) senza che abbiano subito modifiche extra straordinaria manutenzione o di tipo sostanziale

Moderatore: Ugo Fonzar

Rispondi
gibbosky
Messaggi: 1171
Iscritto il: ven gen 18, 2008 11:53 am

TURBINA A VAPORE

Messaggio da gibbosky » mar set 11, 2018 5:25 pm

Ciao a tutti,
nel procedere con la marcatura CE dell'impianto di termo valorizzazione, sono arrivato (con fatica) ad incastonare tutto fino ad arrivare alla turbina vapora (TV) che è stata progettata e realizzata negli anni '60.
Della turbina non si ha alcuna traccia di documenti relativi alla sicurezza, ovviamente non ricade in DM.

Procederei quindi stabilendo la rispondenza ai requisiti di sicurezza dell'allegato V al TU.
Vorrei però anche aiutarmi e consultare eventuali norme armonizzate C o B, ne avete il riferimento gentilmente?

P.S.

Ma poi mi sorge anche un altro dubbio, utilizzare le norme armonizzate ad una direttiva che è nata anni dopo la macchina di cui si sta verificando gli aspetti di sicurezza, unitamente all'allegato V è cosa buona e giusta?

Grazie a tutti.

Gibbosky

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8186
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: TURBINA A VAPORE

Messaggio da Ugo Fonzar » mer set 12, 2018 9:57 pm

usare le norme attuali è rispondere all'art. 2087 del codice civile (copiato e incollato quasi in due punti del 81: art. 18 lett. z seconda parte e poi nel titolo III)
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

gibbosky
Messaggi: 1171
Iscritto il: ven gen 18, 2008 11:53 am

Re: TURBINA A VAPORE

Messaggio da gibbosky » gio set 13, 2018 7:04 am

Ciao Ugo,
usare le norme attuali è rispondere all'art. 2087 del codice civile (copiato e incollato quasi in due punti del 81: art. 18 lett. z seconda parte e poi nel titolo III)
Effettivamente non fa una piega, posta ovviamente la necessità di fare le considerazioni del caso in merito alla convenienza di acquistare la macchina nuova piuttosto che adeguarne una vecchia di 60 al grado di evoluzione e della tecnica attuale.

Comunque Ugo, detto ciò, non riesco a trovare tra le norme armonizzate alla DM, nessuna norma B o C che faccia minimamente riferimento ad una turbina di qualsivoglia tipologia.

Che mi suggerisci di fare ?

Grazie

Gibbosky

SerafinoF
Messaggi: 1092
Iscritto il: ven giu 10, 2011 11:16 am

Re: TURBINA A VAPORE

Messaggio da SerafinoF » gio set 13, 2018 10:51 am

L'analisi delle norme tecniche applicabili è uno dei must della valutazione delle soluzioni adottate per ridurre il rischio, quindi una corretta ed ampio analisi normativa serve come acqua nel deserto per evitare di trovarsi analisi dei rischi con soluzioni tecniche risibili.
Detto quanto sopra sul perché farsi pagare una cosa che apparentemente non sembra servire a niente, norme generiche EN ed anche UNI ed ISO.
Lo schiacciamento di un dito esiste da quando esistono le dita, quindi usando la norma tecnica come linea guida di un particolare rischio, adotti lo stato dell'arte relativamente alle misure di prevenzione se non per lo specifico caso presentato in norma, per uno assai simile e quindi equiparabile che è la situazione reale.

Quindi per esempio:

pacchetto EN 45510 di cui la 45510-5-1 è turbine a vapore
ISO 21789 che è per le turbine a gas ma tratta molti aspetti di sicurezza
UNITS/11325 molto importante
Poi le UNI con voce di ricerca INCIDENTE RILEVANTE (questa è una roba uscita in un paper del CTI quindi per me è oro colato e ci credo a prescindere)

gibbosky
Messaggi: 1171
Iscritto il: ven gen 18, 2008 11:53 am

Re: TURBINA A VAPORE

Messaggio da gibbosky » sab set 15, 2018 7:22 am

Buongiorno Serafino,
intanto grazie come sempre del tuo prezioso contributo.
L'analisi delle norme tecniche applicabili è uno dei must della valutazione delle soluzioni adottate per ridurre il rischio, quindi una corretta ed ampio analisi normativa serve come acqua nel deserto per evitare di trovarsi analisi dei rischi con soluzioni tecniche risibili.
Concordo, anche se magari normativa che preveda soluzioni tecniche dei nostri tempi potrebbe risultare inapplicabile o comunque applicabile in modo antieconomico su una macchina del 1950.
Però i disposti degli articoli citati da Ugo riguardanti il grado di evoluzione e della tecnica sono chiarissimi...
Detto quanto sopra sul perché farsi pagare una cosa che apparentemente non sembra servire a niente, norme generiche EN ed anche UNI ed ISO.
Combinato con quanto dici di seguito nel tuo post mi sfugge qualcosa Serafino.
Intendi quindi dire che prendere in analisi la mia turbina, lo stato dell'arte, prendendo a riferimento le norme che citi, sarebbe cosa inutile?
Oppure l'"apparentemente" sottolinea che a tuo avviso le norme che citi aiuterebbero eccome a valutare l'attuale stato dell'arte rispetto alla sicurezza della mia turbina anni '60 e ad un eventuale suo adeguamento?

Credo che la risposta affermativa sia alla seconda domanda, per cui richiamando le norme che citi:
pacchetto EN 45510 di cui la 45510-5-1 è turbine a vapore
ISO 21789 che è per le turbine a gas ma tratta molti aspetti di sicurezza
UNITS/11325 molto importante

Facendo presente che purtroppo sono prossimo alla scadenza dei limiti di tempo stabiliti contrattualmente, su quali mi indicheresti di insistere in modo specifico e quali terresti fuori ?

Grazie

Gibbosky

gibbosky
Messaggi: 1171
Iscritto il: ven gen 18, 2008 11:53 am

Re: TURBINA A VAPORE

Messaggio da gibbosky » sab set 15, 2018 7:41 am

Ciao Serafino,
purtroppo ho preso coscienza ora del pacchetto normativo che citi.
Affidandosi alla buona sorte o comunque al buon dio se si ha fede, avendo 49 anni ... forse a fine vita potrei pensare di averle lette (non comprese) :mrgreen: .

Il cliente tuttavia vorrebbe la documentazione prima e paga un po' meno di quanto sarebbe necessario se per consegnare il lavoro si adottassero quelle norme... intendo dire il costo attribuibile a studio delle norme e applicazione delle stesse al caso reale.

Impensabile anche solo sfiorarle da qui alla data di consegna...

Grazie comunque per le tue indicazioni.

Ciao

Gibbosky

SerafinoF
Messaggi: 1092
Iscritto il: ven giu 10, 2011 11:16 am

Re: TURBINA A VAPORE

Messaggio da SerafinoF » mar set 18, 2018 11:17 am

La vedo come segue

Ipotesi 1:
Cerca di eliminare le cose macro, tipo la verifica delle spessore delle camere in pressione con calcolo della vita residua delle membrature e magari un occhio a saldature e/o giunzioni bullonate.
Fai un serio collaudo delle sicurezze (ma devi metterle in crisi).
Fai un piano segreto di miglioramenti fattibili (segreto per gli altri non per il padrone del vapore, ndr) ed uno palese di manutenzione ordinaria e straordinaria anche in aggiunta a quello che potresti trovare
Incrocia le dita.

Ipotesi 2:
Cuba.

Rispondi