Interfacce tra nastri trasportatori: ripari si o no?

Riguarda le macchine immesse sul mercato o messe in servizio pre-direttiva macchine (in Italia 21 settembre 1996) senza che abbiano subito modifiche extra straordinaria manutenzione o di tipo sostanziale

Moderatore: Ugo Fonzar

Rispondi
gibbosky
Messaggi: 1171
Iscritto il: ven gen 18, 2008 11:53 am

Interfacce tra nastri trasportatori: ripari si o no?

Messaggio da gibbosky » sab mag 20, 2017 9:52 am

Ciao a tutti,
in riferimento ad un insieme di cui ho seguito la marcatura CE per conto di un'azienda che ne diventa Fabbricante, ho ritenuto opportuno a seguito della valutazione dei rischi, porre in evidenza alcuni aspetti in merito agli elementi mobili.

Gli elementi mobili oggetto della questione, sono le culatte in testa ed in coda ai nastri trasportatori che essendo totalmente scoperte ad avviso di chi scrive introducono i classici pericoli dovuti a presenza di organi meccanici in movimento.

Intanto non sono elementi mobili che partecipano alla lavorazione, per cui a mio avviso ne dovrebbe essere impedito l'accesso tramite ripari fissi.

Il caporeparto pur alla domanda del sottoscritto riferita alla frequenza con la quale accedono a quella zona, risponde in prima battuta quasi mai, poi si irrita quando gli si propone di riparare glie elementi mobili con un riparo fisso.

Noto aste in ferro nelle vicinanze della zona pericolosa, ben posizionate, necessarie sicuramente ad armeggiare nel nastro.

La posizione di quest'ultimo è la seguente: "chi mi ha venduto il nastro, me lo ha venduto senza i ripari ! Perché voi ora dite che ci servono questi ripari? "

Ora, per quanto mi riguarda e stante la lettura della direttiva e delle rispettive linee guida (paragrafo 213), a mio avviso quei ripari a coprire gli elementi mobili devono esserci, ma mi domando se mi sta sfuggendo qualcosa di palese.

Per mia esperienza in altre fabbriche, i nastri di nuova concezione (i miei non lo sono, ma sono comunque 2002) sono tutti carterati in zona di testa e coda ad impedire l'ingresso in zona pericolosa, costituita da presenza di elementi mobili, da parte degli addetti.

Mi sta sfuggendo qualcosa?

Forse la velocità di rotazione dei rulli consente di non mettere ripari agli elementi mobili?

Nella direttiva o linea guida non viene menzionata la velocità di rotazione, ma magari lo è in una norma armonizzata ai sensi della direttiva macchine che non conosco.

Grazie a tutti.

Gibbosky

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8186
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: Interfacce tra nastri trasportatori: ripari si o no?

Messaggio da Ugo Fonzar » mar mag 23, 2017 6:19 am

se prendi le EN 619 e la EN 620 vedi che hai ragione
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

gibbosky
Messaggi: 1171
Iscritto il: ven gen 18, 2008 11:53 am

Re: Interfacce tra nastri trasportatori: ripari si o no?

Messaggio da gibbosky » mar mag 23, 2017 11:44 am

Ciao Ugo,
ti ringrazio moltissimo come sempre!

Il tuo supporto morale e da professionista è sempre oltremodo prezioso!

Gibbo

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8186
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: Interfacce tra nastri trasportatori: ripari si o no?

Messaggio da Ugo Fonzar » mer mag 24, 2017 3:34 am

ma di nulla ! :)
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

QUADRATO2
Messaggi: 109
Iscritto il: gio giu 23, 2016 3:38 pm

Re: Interfacce tra nastri trasportatori: ripari si o no?

Messaggio da QUADRATO2 » lun mag 29, 2017 9:19 am

vi porto una mia "scoperta" alquanto nuova, e spero vi sia utile, ad oggi ho visto un nuovo tipo di rulliere, quindi non nastro trasportatore, ma che ha le stesse problematiche e rischi di trascinamento ed impigliamento,
ebbene, invece di aver un sistema a catena o cinghia per la sua movimentazione ha un sistema a fascia elastica.
ovvero la fascia che fa movimentare due rulli consecutivi li "abbraccia" per solo 1/4 della propria circonferenza, anche meno, quasi tangenzialmente.
ed una fasciafa muovere anche 5 o 6 rulli,
questa fascia non è disposta orizzontalmente. ma ha un sistema di pulegge e contropulegge al di sotto del banco rulleiera.
in questo modo, anche se la velocità di questi rulli è elevata, se si appoggia una mano sul rullo questo si ferma, poichè la cinghia non è più a contatto con lo stesso e "slitta".
caso diverso è se il carico fosse uniformemente distribuito su tutti i rulli.

La cosa sorprendente è che i rulli che non sono soggetti a carico distribuito perchè a monte o a valle della lastra da trasportare non ruotano, finchè la lastra non vi è sopra.
devo capire se questo sia un sistema brevettato e meno. se vi interessa vi tengo informati.

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8186
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: Interfacce tra nastri trasportatori: ripari si o no?

Messaggio da Ugo Fonzar » lun mag 29, 2017 1:28 pm

è una cosa diffusa almeno da alcuni decenni ;)

comunque la trasmissione è interessante: verifica che se ci metti un dito quanto male ti fai in quanto non è "intrinsecamente sicura" sempre (molto spesso sì, ma se devono fare grip per trascinare potresti avere un forte schiacciamento)
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

Rispondi