Esportazione impianto verniciatura usato in Russia.

Riguarda le macchine immesse sul mercato o messe in servizio pre-direttiva macchine (in Italia 21 settembre 1996) senza che abbiano subito modifiche extra straordinaria manutenzione o di tipo sostanziale

Moderatore: Ugo Fonzar

Rispondi
Walter Meneghetti
Messaggi: 7
Iscritto il: gio mar 25, 2010 10:31 am

Esportazione impianto verniciatura usato in Russia.

Messaggio da Walter Meneghetti » gio giu 19, 2014 4:39 pm

Buongiorno a tutti,
in questi giorni sto valutando in collaborazione con un'azienda italiana l'esportazione di un' impianto di verniciatura usato in Russia.
Tale impianto è di costruzione antecedente al D.P.R. del ' 96 e per soddisfare le richieste del cliente russo verrà modificato in maniera pesante integrando ad esso anche nuove macchine. Io mi sono preso in carico la valutazione inerente i quadri di comando dell'impianto vecchio modificato, la cosa che vorrei sapere io è se ci sono delle norme Russe da seguire per eseguire i quadri elettrici di comando per ottenere la presunzione di conformità per la certificazione GOST R / TR richiesta in Russia. Se si per i quadri quali sono? Se seguo le norme europee commetto un' errore :| ?
In attesa di un' Vs. riscontro saluto tutti e vi auguro buona giornata.
Ciao

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8176
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: Esportazione impianto verniciatura usato in Russia.

Messaggio da Ugo Fonzar » gio giu 19, 2014 8:22 pm

da quanto sento dai fabbricanti italiani che esportano macchine in russia
metti in conto un po' di $$ da spendere con "consulenti" locali
che il GOST va avanti così
a colpi di "olio" e non con il rispetto pedissequo delle norme
(leggilo come una barriera doganale, và) ;)
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

SerafinoF
Messaggi: 1091
Iscritto il: ven giu 10, 2011 11:16 am

Re: Esportazione impianto verniciatura usato in Russia.

Messaggio da SerafinoF » ven giu 20, 2014 11:34 am

Io ti dò una risposta differente...

Si, ci sono le norme specifiche da seguire, ma devi consultarti l'elenco con alla mano il progetto del tuo impianto, altrimenti prendi fischi per fiaschi.

non parlo della parte burocratica che potrebbe prevedere un sacco di carte... (certificati, autorizzazioni, TR e compagna che canta)

occhio all'aspetto atex./Ex proof ed alle autorizzazioni aggiuntive....

Personalmente ho progettato nel (recente) passato la parte elettrica alla "maniera" IEC facendomela approvare preventivamente e poi facendo tradurre il tutto, ma senza seguire le sketch&drawing rules che sono un pò un retaggio del passato. Però la Russia è tanto grande e non c'è solo un doganiere....

Ad un mio cliente hanno chiesto l'assurdo soprattuto sulla base della confusione burocratica creata dall'Unione Eurasiatica (ovvero da quella loro comunità) nella quale hanno approvato "direttive" con poche linee guida.

Detto questo, di solito uno stamp in rosso lascia correre via tutto liscio.

Walter Meneghetti
Messaggi: 7
Iscritto il: gio mar 25, 2010 10:31 am

Re: Esportazione impianto verniciatura usato in Russia.

Messaggio da Walter Meneghetti » mar giu 24, 2014 2:43 pm

Grazie mille per le Vostre risposte :)

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8176
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: Esportazione impianto verniciatura usato in Russia.

Messaggio da Ugo Fonzar » mar giu 24, 2014 10:05 pm

walter
non abbiamo risolto nulla... solo due dritte ;)

grazie del tuo grazie! :)
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

Rispondi