Dislocazione verticale (Niosh)

Questo è uno spazio dedicato agli aspetti legati al rischio da movimenti ripetitivi, movimentazione manuale dei carichi - Titolo VI del D.Lgs. 81/08, attività di trasporto, traino e spinta, VDT - Titolo VII, sistemazione dei posti di lavoro, interfaccia uomo-macchina - metodi OCRA, NIOSH, Snook Ciriello, MAPO, ecc.

Moderatore: Ugo Fonzar

Rispondi
renato
Messaggi: 750
Iscritto il: ven feb 16, 2007 1:14 pm
Località: vicenza

Dislocazione verticale (Niosh)

Messaggio da renato » lun set 10, 2012 12:24 pm

Buon giorno a tutti.
Un problema che è uscito, con i miei colleghi, sulla movimentazione manuale dei carichi (Niosh).
La linea guida è chiara e parla di "dislocazione verticale" cioè di "delta" spostamento, non della posizione assoluta finale.

Però, c'è un però....
Il foglio di calcolo che uso io (il mitico Cerbai-Occhipinti-Colombina del 2007) mi dice si di scrivere la dislocazione verticale, ma secondo me invece bisogna impostare il valore assoluto, cioè la quota di arrivo. Perchè mi pare di capire che il valore relativo se lo calcola lui.
Mi pare anche che fogli di calcolo più recenti facciano la stessa cosa (però non li ho ancora usati).

Ditemi come come vi comportate voi e soprattutto dai mitici Stasky ed Hutch, creatori dell'ergonomia.

grazie e ciao
Renato

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8394
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: Dislocazione verticale (Niosh)

Messaggio da Ugo Fonzar » lun set 10, 2012 5:53 pm

o intervengono Stasky ed Hutch
oppure siamo fritti :)
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

Hutch
Messaggi: 9
Iscritto il: ven giu 11, 2010 8:03 am
Località: Imola
Contatta:

Re: Dislocazione verticale (Niosh)

Messaggio da Hutch » lun set 10, 2012 6:23 pm

renato ha scritto:Buon giorno a tutti.
Un problema che è uscito, con i miei colleghi, sulla movimentazione manuale dei carichi (Niosh).
La linea guida è chiara e parla di "dislocazione verticale" cioè di "delta" spostamento, non della posizione assoluta finale.

Però, c'è un però....
Il foglio di calcolo che uso io (il mitico Cerbai-Occhipinti-Colombina del 2007) mi dice si di scrivere la dislocazione verticale, ma secondo me invece bisogna impostare il valore assoluto, cioè la quota di arrivo. Perchè mi pare di capire che il valore relativo se lo calcola lui.
Mi pare anche che fogli di calcolo più recenti facciano la stessa cosa (però non li ho ancora usati).

Ditemi come come vi comportate voi e soprattutto dai mitici Stasky ed Hutch, creatori dell'ergonomia.

grazie e ciao
Renato
Eccomi qua!!
Anzitutto mi sentirei meglio ripristinando l'ordine dei nomi del "mittttico" foglio di calcolo: Colombini-Occhipinti-Cerbai...Placci e tanti altri (se cercate bene ci sono degli aggiornamenti su www.epmresearch.org).

Poi per la questione: il dato di interesse per il metodo Niosh è la dislocazione quindi il delta, come valore assoluto, fra la "partenza" e "l'arrivo".
Più corretto sarebbe dire la "massima dislocazione verticale" (se c'è un ostacolo da superare bisogna prendere la dislocazione massima).
Nei fogli di calcolo citati si è pensato di sfruttare le potenti doti di calcolo di Excel e fargli fare la sottrazione da solo...in pratica visto che l'altezza all'origine deve comunque essere inserita si è scelto di far inserire all'operatore anche l'altezza alla destinazione in modo che il calcolo della dislocazione verticale (intesa come valore assoluto della differenza delle due altezze) avvenga in automatico.

Riassumendo: il metodo Niosh vuole in ingresso la dislocazione verticale; per scelta nei fogli di calcolo bisogna inserire il valore dell'altezza alla destinazione (prestando attenzione ad alcuni casi particolari).

Spero di essere stato chiaro e non aver aggiunto dubbi su dubbi!

A presto!

Marco C

renato
Messaggi: 750
Iscritto il: ven feb 16, 2007 1:14 pm
Località: vicenza

Re: Dislocazione verticale (Niosh)

Messaggio da renato » lun set 10, 2012 7:05 pm

Grazie Marco.
La tua risposta ha purtoppo generato una serie di tentativi di suicidio nel vicentino (con effetto domino) perchè questi avevano sempre scritto il dato relativo, grosso modo dalla prima guerra mondiale ad oggi :-)
Altri invece sono solo caduti in depressione, che in effetti mi pare che l'intestazione della colonna del foglio di calcolo potesse trarre in inganno ( però si vedeva bene di fianco che faceva la sottrazione)

Adesso mi tuffo sugli aggiornamenti, conscio che dovrò prendermi un po' di tempo di studio perchè vedo che i fogli si sono moltiplicati come le tasse.
Noto che nei nuovi tools viene ben specificato che è la posizione massima di arrivo (considerando gli eventuali su e giu intermedi).

Grazie ancora Marco della pronta ed esauriente risposta e ciao.
Renato

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8394
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: Dislocazione verticale (Niosh)

Messaggio da Ugo Fonzar » lun set 10, 2012 8:34 pm

fantastici :)
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

Hutch
Messaggi: 9
Iscritto il: ven giu 11, 2010 8:03 am
Località: Imola
Contatta:

Re: Dislocazione verticale (Niosh)

Messaggio da Hutch » lun set 10, 2012 9:38 pm

Mi spiace per suicidi di massa..anzi ai fini della riduzione del rischio (suicidio da MMC :shock: ) fai presente ai colleghi che anche un grande errore su questo fattore porta solo piccoli scostamenti sul finale... non è il fattore che porta il rischio da elevato ad accettabile!!
..infatti nelle semplificazioni del calcolo VLI questo fattore diventa una costante!
A presto!
Marco

Rispondi