Frequenza OCRA check list

Questo è uno spazio dedicato agli aspetti legati al rischio da movimenti ripetitivi, movimentazione manuale dei carichi - Titolo VI del D.Lgs. 81/08, attività di trasporto, traino e spinta, VDT - Titolo VII, sistemazione dei posti di lavoro, interfaccia uomo-macchina - metodi OCRA, NIOSH, Snook Ciriello, MAPO, ecc.

Moderatore: Ugo Fonzar

Rispondi
antony
Messaggi: 486
Iscritto il: lun mar 20, 2006 11:33 am
Località: Portogruaro (VE)

Frequenza OCRA check list

Messaggio da antony » ven mar 18, 2011 3:53 pm

Analisi OCRA check list per ciclo di 70 secondi, di cui 40 di levigatura (con 90 azioni dinamiche) e 30 sec. di attesa pezzo, controllo visivo (senza movimenti ripetitivi).
Il fattore frequenza come lo si assegna?

(90 az. / 70 sec.)*60 = 77 az/minuto
oppure
(90 az. / 40 sec.)*60 = 135 az/minuto?

In altre parole, lo si deve riferire alla durata del ciclo intero oppure solo alla durata dei ripetitivi?

Grazie

Starsky
Messaggi: 12
Iscritto il: gio giu 10, 2010 6:45 am

Re: Frequenza OCRA check list

Messaggio da Starsky » sab mar 19, 2011 4:31 pm

Le basi sono fondamentali per affrontare l'OCRA, che sia Check list o che sia Indice.

Non si può contare la frequenza se la tabella organizzativa non è compilata completamente, cioè durata turno reale, pause reali, tempi di lavoro non ripetitivo, tempi assimilabili a PAUSE INTERNE AL CICLO. :twisted: :twisted: :twisted: !!!!!

Teoria da studiare: pag. 126 del libro "Il metodo OCRA per l'analisi e la prevenzione del rischio da Movimenti Ripetuti" - Franco Angeli - Occhipiniti e Colombini -

Definizione di periodo di recupero interno al ciclo: periodo di riposo degli arti superiori di durata almeno 10 secondi, protratti, continuativi, sistematici e non occasionali (il fermo macchina per disefficenze non conta).
Ultima condizione per considerarlo tempo di recupero interno al ciclo: rapporto 5:1 con la durata del ciclo.

Quindi:
Ciclo 70 secondi - Tempo macchina 30 secondi


A) tempo di lavovo non ripetitivo maggiore di 10 secondi - condizione soddisfatta;
b) Rapporto lavoro - recupero 2,3:1 - condizione soddisfatta.

A QUESTO PUNTO (sei ancora all'inizio, nella tabella organizzativa per intenderci :twisted: :twisted: :twisted: ) dobbiamo sapere i pezzi effettivi nel turno. Moltiplicando i pezzi effettivi del turno per il tempo di recupero interno al ciclo ottieni il tempo assimilabile a PAUSE INTERNE AL CICLO da poter sottrarre al tempo di turno.

Adesso puoi calcolare il tempo di lavoro ripetitivo. Che dividendolo per il tempo ciclo ti deve venire 40 secondi (quelli effettivamente lavorati dall'operatore) con un errore massimo del 5% ripetto all'osservato (ALTRIMENTI NON SI PUO' COTINUARE L'ANALISI).

Ti rimane un tempo ciclo di 40 secondi, le azioni sono 90, ORA PUOI CALCOLARE LA FREQUENZA = 135 az/min.

Ricordati che il tempo netto di lavoro ripetitivo sarà comunque calato considerevolmente (avendo tolto il tempo di recupero interno al ciclo), il fattore durata varrà di conseguenza.

Chi fa analisi OCRA non può fare come gli altri, DEVE CONOSCERE L'ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO, e sinceramente deve PRIMA frequentare un corso VALIDO, con esercizi pratici. Mi raccomando!!!!!!! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

Ultima cosa, ma non te l'ho detta io, mi raccomando, ( :lol: :lol: :lol: ) da febbraio esiste una nuova check list che VALORIZZA NOTEVOLMENTE l'introduzione delle pause e dei tempi di recupero interni al ciclo, ti conviene utilizzare quella.... Ma attento i recuperi NON SONO PIU' un fattore da sommare, ma un demoltiplicatore come la durata.

Ribadisco la necessità di rimanere aggiornati e di fare corsi specifici per questo metodo, NON CERTO FACILE COME QUALCUNO DICE.

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8394
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: Frequenza OCRA check list

Messaggio da Ugo Fonzar » sab mar 19, 2011 5:52 pm

antony, l'aggiornamento a cui si riferisce Starsky è qui: viewtopic.php?f=17&t=1742
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

antony
Messaggi: 486
Iscritto il: lun mar 20, 2006 11:33 am
Località: Portogruaro (VE)

Re: Frequenza OCRA check list

Messaggio da antony » sab mar 19, 2011 5:59 pm

Caro Starsky, innanzitutto ti ringrazio per la risposta.
Starsky ha scritto:Chi fa analisi OCRA non può fare come gli altri, DEVE CONOSCERE L'ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO, e sinceramente deve PRIMA frequentare un corso VALIDO, con esercizi pratici. Mi raccomando!!!!!!! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
Starsky ha scritto:Ribadisco la necessità di rimanere aggiornati e di fare corsi specifici per questo metodo, NON CERTO FACILE COME QUALCUNO DICE.
Starsky ha scritto:Le basi sono fondamentali per affrontare l'OCRA, che sia Check list o che sia Indice.
Non capisco il motivo di tanta foga e questo tono francamente irritante da maestrino con la bacchetta.
NON sto effettuando un lavoro ad un cliente, sto solo studiando degli appunti universitari sui movimenti ripetitivi e mi era sorto un dubbio evidentemente banale (banale per te, ma non per me che sono alle prime armi).

PS La revisione del metodo da parte della Colombini pubblicato qualche mese fa, ce l'ho.....Ugo l'aveva prontamente segnalata nel blog.

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8394
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: Frequenza OCRA check list

Messaggio da Ugo Fonzar » sab mar 19, 2011 6:15 pm

non è foga, credimi (o che ce l'ha con te... l'uso delle faccine l'ho interpretato anche io così...)
(non voglio difender starsky, eh? non ne ha bisogno)
è che oggi a far due conti con la check-list ci son tutti capaci e poi si vedono numeri che vengon fuori che sono "fuori"
quindi nulla di personale, garantisco io ;)

ciao e buono studio allora
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

Starsky
Messaggi: 12
Iscritto il: gio giu 10, 2010 6:45 am

Re: Frequenza OCRA check list

Messaggio da Starsky » dom mar 20, 2011 9:59 pm

Ok ha già risposto Ugo.

1) INNANZITUTTO SCUSA, NON CONOSCENDOTI NON POSSO AVERCELA CON TE.

2) Il problema è un altro: i passi della check list sono vincolati, scritti nei testi che bisogna affrontare per poter prosegure successivamente con gli esempi pratici. Per come hai posto la domanda tu eri già al terzo passo: calcolo della frequenza, vuol dire che hai trascurato gli altri due, NON SI PUO' FARE, anche se lo fanno in tanti e guarda caso il valore di calcolo è solitamente falsato dalle imprecisioni determinate dalla carenza dei due passi precedenti: organizzatione e tempi di recupero.
Se la domanda era "posso usare la pausa interna al ciclo come recupero" era tutta un'altra cosa, significava che eri solo all'inizio dell'esercizio. Insisto sulle basi perchè sono quelle che spesso sono trascurate da chi approccia il metodo. Non si possono saltare i passaggi, e comunque specie per te che stai studiando credo che sia fondamentale fissare prima di tutto i paletti necessari.

3) Le faccine erano riferite al "maledetto metodo" e non certo a chi comunque tenta di approcciarlo e di capirlo!!!!

4) Buono studio, tieni botta, non è degli argomenti più semplici occorre un po' di pazienza, e molto tempo per assimilarlo .......

antony
Messaggi: 486
Iscritto il: lun mar 20, 2006 11:33 am
Località: Portogruaro (VE)

Re: Frequenza OCRA check list

Messaggio da antony » lun mar 21, 2011 8:25 am

Ok, mi metto a studiare e......magari se ho qualche dubbio sullo SBAS ti disturberò ancora, confidando nella tua bacchetta (bacchetta, non mattarello!!!) :wink:
Bye

Rispondi