Indice di sollevamento Niosh

Questo è uno spazio dedicato agli aspetti legati al rischio da movimenti ripetitivi, movimentazione manuale dei carichi - Titolo VI del D.Lgs. 81/08, attività di trasporto, traino e spinta, VDT - Titolo VII, sistemazione dei posti di lavoro, interfaccia uomo-macchina - metodi OCRA, NIOSH, Snook Ciriello, MAPO, ecc.

Moderatore: Ugo Fonzar

Rispondi
renato
Messaggi: 750
Iscritto il: ven feb 16, 2007 1:14 pm
Località: vicenza

Indice di sollevamento Niosh

Messaggio da renato » ven feb 18, 2011 8:20 am

Ma ogni tanto succede anche a voi di svegliarvi alla mattina con un dubbio ancestrale che ti perseguita ? Si ? bene, allora siamo sulla stessa barca.

Ricordo che l'indice di sollevamento (ISC) per il quale il Datore di lavoro fa scattare le misure organizzative/strutturali di riduzione del rischio era 1,25.
Alcuni colleghi mi dicono che è diventato 1.
Sono certo che in questa tana dell'Ergonomo avrò la risposta universale.

grazie ciao
Renato

Starsky
Messaggi: 12
Iscritto il: gio giu 10, 2010 6:45 am

Re: Indice di sollevamento Niosh

Messaggio da Starsky » ven feb 18, 2011 8:24 pm

Ciao Renato, il dubbio ancestrale è del tutto giustificato!!
Ma anche un po' in ritardo... Intanto per precisazione parliamo di I.S. (Indice di Sollevamento). Se citiamo l'ISC diventa Indice di Sollevamento Composto (e si calcola per i compiti multipli ma per le fasce di rischio non cambia nulla).

A parte questa precisazione non sostanziale ora parliamo delle fasce di rischio: l'Indice NIOSH inventato in America e calcolato con un peso di riferimento di 50 libbre (23 kg) da che modo è mondo identifica il rischio se il suo valore supera il valore 1. Solamente in Italia, per compensare l'indicazione che considerava nell'allegato VI del D.Lgs. 626/94 un carico pesante se superava 30 kg, sono state fatte delle correzioni che ponevano la fascia priva di rischio fino a 0,75 (verde) quella intermedia (gialla) tra 0,75 e 1,25 e il rischio presente superiore a 1,25.
La discriminante era quindi la costante di peso, che partiva a 30 kg per gli uomini.

Poi, nel 2003 è stata pubblicata la EN1005-2 che contiene alcuni studi psicofici e che identifica in 25 kg la costante di peso che protegge il 95% della popolazione maschile e che corregge quindi anche il valore del NIOSH Americano.
Già dal 2003 quindi, le valutazioni del rischio MMC con il metodo NIOSH dovevano essere compilate con una costante di peso di 25 kg e un "semaforo" così determinato:

verde (accettabile) I.S. inferiore a 0,86
giallo (dubbio) I.S. tra 0,86 fino a 1
rosso (presente) I.S. superiore a 1

Una ulteriore indicazione l'abbiamo ottenuta dal 2007 quando è stata pubblicata la ISO11228-1 che discrimina così il rischio:

verde (accettabile) I.S. fino a 1
rosso (presente) I.S. superiore a 1

E visto che la 11228-1 è citata nel D.Lgs. 81/08 è la norma che deve essere presa a riferimento, sia come metodo che come fasce di rischio.

Ciao, ciao ....

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8394
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: Indice di sollevamento Niosh

Messaggio da Ugo Fonzar » ven feb 18, 2011 9:07 pm

ottima ricostruzione tecnico-storico-normativa :D
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

renato
Messaggi: 750
Iscritto il: ven feb 16, 2007 1:14 pm
Località: vicenza

Re: Indice di sollevamento Niosh

Messaggio da renato » sab feb 19, 2011 6:37 am

Grazie Starsky !

Quindi per concludere:

Oggi con la ISO le fasce sono 2:
rischio basso = tutto ok
rischio "non basso" = sorv sanit + formazione + misure tecniche di riduzione del rischio

Non c'e' + la 3' fascia (semaforo giallo) = sorveglianza sanitaria e formazione ma niente misure di riduzione del rischio.

Quindi da oggi in poi o si è buoni o si è cattivi, e basta.

Ho detto giusto ?

grazie ancora
Renato

Starsky
Messaggi: 12
Iscritto il: gio giu 10, 2010 6:45 am

Re: Indice di sollevamento Niosh

Messaggio da Starsky » sab feb 19, 2011 9:33 pm

Sì, perfetto!
Ma occorre però ricordare che il valore di rischio presente è calcolato per un intervallo che va dal 5° al 95° pecentile. Il "giallo" serve a proteggere le code "basse" .

In maniera "più cruda" comunque, gli SPISAL o l'INAL riconoscono il rischio quando il valore è superiore a 1.

Ciao, ciao.

antony
Messaggi: 486
Iscritto il: lun mar 20, 2006 11:33 am
Località: Portogruaro (VE)

Re: Indice di sollevamento Niosh

Messaggio da antony » dom feb 20, 2011 4:13 pm

Per le azioni di traino, spinta e trasporto in piano vale sempre il semaforo a tre colori, cioè verde (accettabile) I.R. < 0,86, giallo (dubbio) I.R. tra 0,86 fino a 1, rosso (presente) I.R. > 1?

Starsky
Messaggi: 12
Iscritto il: gio giu 10, 2010 6:45 am

Re: Indice di sollevamento Niosh

Messaggio da Starsky » mer feb 23, 2011 8:39 am

Scusate ... ho dormito un po'!!!
Iniziamo col dire che Il traino e la spinta NON avevano la fascia gialla .... poi è stata pubblicata la ISO 11228-2 che propone due metodi ... Il primo è la fotocopia di Snook, infatti dice:

METODO 1, vedere appendice A
Fase 1 — Completare il punto A.1.
Fase 2 — Completare la lista di controllo indicata dal prospetto A.3 e determinare le forze iniziale e
sostenuta secondo il punto A.2.2:
a) determinare la lunghezza del manico;
b) determinare la distanza di spinta o traino;
c) determinare la frequenza di spinte/trazioni, sia iniziale sia sostenuta;
d) determinare la popolazione lavoratrice, ovvero interamente maschile (usare i limiti per i
maschi) oppure interamente femminile o mista maschi/femmine (usare i limiti per le
femmine);
e) consultare i prospetti da A.5 ad A.8 per trovare forze accettabili iniziali e sostenute per
contenere il 90% della popolazione di utilizzatori prevista;
f) determinare/misurare le forze effettive iniziali e sostenute (vedere appendice D).
Fase 3 — Confrontare le forze accettabili (vedere prospetti da A.5 ad A.8 ) e misurate e determinare i
fattori di rischio presenti con la lista di controllo. Classificare il rischio di livello complessivo
(vedere A.3) come segue:
• Se le forze effettive (iniziale o sostenuta) sono maggiori delle forze raccomandate,
classificare il rischio come ROSSO.
• Se le forze effettive (iniziale o sostenuta) sono minori di quelle raccomandate, ma esiste un
numero predominante di fattori di rischio presenti, classificare il rischio come ROSSO.
• Altrimenti, classificare il rischio come VERDE
Fase 4 — Prioritizzare ed eseguire le azioni in modo da ridurre i rischi (vedere A.4), o applicare il
Metodo 2.


Il metodo di secondo livello .... NON te lo racconto neppure .... perchè neppure io l'ho capito !!! :lol: :lol: :lol:

Ma se hai il coraggio di affrontarlo allora devi studiare la forza del "campione rappresentativo dei lavoratori oggetto della valutazione" eseguire uno studio di distribuzione del percentile, COSTRUIRTI le tabelle di riferimento e confrontarle con i valori rilevati durante le prove pratiche :twisted: :twisted: :twisted:

A questo punto ti puoi permettere la fascia GIALLA ...

SCEGLI !!!!! :lol: :lol: :roll:

antony
Messaggi: 486
Iscritto il: lun mar 20, 2006 11:33 am
Località: Portogruaro (VE)

Re: Indice di sollevamento Niosh

Messaggio da antony » mer feb 23, 2011 7:32 pm

Ok ok, meglio il primo :mrgreen: Grazie

Rispondi