Centrifughe ,PED e verifiche periodiche

Discussioni e chiarimenti per destraggiarsi sugli insiemi in pressione

Moderatore: Ugo Fonzar

Rispondi
salvatorev
Messaggi: 3
Iscritto il: mer lug 05, 2017 1:11 pm

Centrifughe ,PED e verifiche periodiche

Messaggio da salvatorev » lun lug 30, 2018 10:42 am

Buongiorno a tutti,

come da titolo, l'attrezzatura in esame è una centrifuga Westfalia, per utilizzi in ambito farmaceutico.
1.
L'attrezzatura, presenta una dichiarazione di conformità secondo direttiva macchine 2006/42/CE, e nella stessa è presente la PED come "direttiva pertinente".
Costruttore: GEA Westfalia
Anno costruzione: 2016
Volume (l): 52 4 / 2
PS (barg): 2,5 4,5
TS(°C): 0 / 140 0 / 50
Fluido: processo processo
Stato: Liquido Liquido
Gruppo Fluido: 2 2
Categoria PED: Ⅰ - 2014/68/UE ( NOTA: attrezzature in Art.4 comma 3)
Modulo di valutazione della conformità : Modulo A
La domanda è la seguente:
posso considerare la PED non applicabile secondo il punto f) art. 1 della direttiva e quindi escluso anche dal D.M 329/04 ai fini della messa in servizio ?

2.
La classificazione e i requisiti di sicurezza delle centrifughe sono oggetto della norma UNI EN 12547 , che stabilisce in particolare la differenza fra macchine a sedimentazione (quella Westfalia appunto) e macchine a filtrazione (quelle comunemente dette idroestrattori).
Trattandosi della prima tipologia di attrezzature, posso ritenere le periodiche (fermo restando quanto disposto comma 8, Art.71) secondo art.11 non applicabili ?

Mi scuso in anticipo per il lungo tema, e Vi ringrazio per la possibilità fornita da questo utile forum.
Saluti

Lorenzino
Messaggi: 60
Iscritto il: mer lug 27, 2016 9:00 pm
Località: Lecco

Re: Centrifughe ,PED e verifiche periodiche

Messaggio da Lorenzino » lun lug 30, 2018 5:05 pm

Dalle istruzioni ex ENPI fascicolo n.3 ISTRUZIONI COLLAUDI E VERIFICHE
definizione di idroestrattore sottoposto a verifica:
è da considerare idroestrattore un apparecchio caratterizzato da un unico paniere ruotante resistente, avente qualsiasi forma, con o senza foratura, funzionante a forza centrifuga, nel quale le fasi lavorative avvengano in tempi distinti (fase di carico - centrifugazione - arresto - scarico), al fine di estrarre un liquido a mezzo della centrifugazione, ovvero per separare un solido (o miscele di solidi) da un liquido, oppure di liquidi da una miscela di liquidi oppure per variare le proporzioni in una miscela.
Ad esempio sono considerati idroestrattori: gli idroestrattori per asciugare la biancheria; gli idroestrattori per asciugare le verdure; gli idroestrattori per masse zuccherine; gli idroestrattori per disidratare prodotti chimici; gli idroestrattori per disoleare minuterie metalliche.

Non sono invece da considerare idroestrattori:
le macchine che fanno uso della forza centrifuga per costipare materiali, quali ad esempio le macchine a centrifugare per la produzione dei tubi di cemento o di ghisa o per la produzione di camicie di motori a scoppio; la lavacentrifuga è una macchina nel cui paniere la biancheria o il tessuto viene prima lavato e poi asciugato mediante centrifugazione é pertanto durante questa ultima fase del ciclo operativo che essa svolge la funzione di idroestrattore per cui la fase di centrifugazione è inserita in un ciclo operativo più complesso; le centrifughe di laboratorio.

Non vengono considerate altresì soggette agli obblighi di verifica le macchine che, pur effettuando una separazione per effetto di forza cen¬trifuga, non sono caratterizzate da un organo rotante assimilabile ad un paniere, quali ad esempio: le scrematrici per burro, i separatori per olio di oliva, i separatori per mosti di uve.
La vita è come una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita (Forrest Gump)

Rispondi