Denuncia Malattia Professionale

Riguarda la sicurezza e l'igiene sul lavoro

Moderatore: Ugo Fonzar

Rispondi
Umaga
Messaggi: 164
Iscritto il: ven mar 04, 2016 8:35 am

Denuncia Malattia Professionale

Messaggio da Umaga » ven feb 14, 2020 12:16 pm

Buongiorno a tutti,
espongo il seguente caso in modo da avere il vostro parere.
Agenzia di somministrazione (ex interinale) riceve dall'INAIL un questionario per presunta malattia professionale di un lavoratore.
La stessa agenzia gira il questionario ad una delle aziende utilizzatrici dove il soggetto ha lavorato per soli 2 mesi.

A questo punto mi chiedo:
Il questionario è indirizzato all'agenzia interinale e non all'azienda utilizzatrice. Può l'azienda utilizzatrice rifiutarsi di compilarlo dal momento che il lavoratore ha lavorato da loro solo per 2 mesi e quindi non può essere la causa della presunta malattia professionale?

Grazie come sempre per il supporto.

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8329
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: Denuncia Malattia Professionale

Messaggio da Ugo Fonzar » ven feb 14, 2020 10:40 pm

quando un lavoratore somministrato va in infortunio
la denuncia la fa l'agenzia
quindi di logica anche la mp la fanno loro
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

weareblind
Messaggi: 1641
Iscritto il: mar apr 13, 2010 1:17 pm
Località: Como

Re: Denuncia Malattia Professionale

Messaggio da weareblind » dom feb 16, 2020 4:44 pm

Ritengo non possa rifiutarsi, è potenzialmente "quota parte del problema". Chi lo decide che 2 mesi è poco? E se il lavoratore fa solo 6 mesi per azienda da 20 anni, nessuno lo compila? E la soglia qual è, 8 mesi? 12?
Perché poi rifiutarsi?
We are blind to the world within us

Umaga
Messaggi: 164
Iscritto il: ven mar 04, 2016 8:35 am

Re: Denuncia Malattia Professionale

Messaggio da Umaga » lun feb 17, 2020 11:41 am

Grazie Ugo & Weare,
in effetti è una situazione particolare in cui l'obbligo di denuncia di MP ricade sull'agenzia, come è riportato su questa circolare INAIL che ho appena scoperto:
https://www.inail.it/cs/internet/atti-e ... -2006.html

Tuttavia gli obblighi di valutazione dei rischi e conseguenti misure di prevenzione e protezione ricadono sull'azienda utilizzatrice, di conseguenza l'agenzia di somministrazione, che non è a conoscenza dei rischi specifici presenti nell'azienda e non ha effettuato la valutazione dei rischi, invia il questionario per MP all'utilizzatore richiedendo la compilazione.

In effetti è come dici tu Weare, quando il lavoratore cambia tante aziende ognuna di queste potrebbe aver contribuito alla presunta MP.

Certo è che ricostruire la storia lavorativa in questi casi è veramente complesso...

Grazie ancora per la vostra gentilezza e competenza!

Ugo Fonzar
Site Admin
Messaggi: 8329
Iscritto il: lun mag 23, 2005 11:22 pm
Località: Aquileia
Contatta:

Re: Denuncia Malattia Professionale

Messaggio da Ugo Fonzar » lun feb 17, 2020 11:43 am

secondo me l'osservazione
l'agenzia di somministrazione, che non è a conoscenza dei rischi specifici presenti nell'azienda e non ha effettuato la valutazione dei rischi, invia il questionario per MP all'utilizzatore richiedendo la compilazione
non è vero che sia così
ti chiedono i rischi che hai quando ti mandano un lavoratore
ovvio che i particolari non ce li hanno
ma la denuncia la devono fare loro
e tu collabori alla ricostruzione lavorativa e di vdr
ing. Ugo Fonzar - Aquileia (UD)
studioFonzar.com

Umaga
Messaggi: 164
Iscritto il: ven mar 04, 2016 8:35 am

Re: Denuncia Malattia Professionale

Messaggio da Umaga » lun feb 17, 2020 12:12 pm

Intendevo dire che l'agenzia non conosce nel dettaglio i rischi specifici e le lavorazioni svolte. Normalmente mi risulta che richieda all'azienda utilizzatrice di compilare un modulo di un paio di paginette dove si crocetta la presenza o meno del rischio e al più si inserisce il livello di rischio ed un riassunto delle misure di prevenzione/protezione.
I questionari INAIL su MP richiedono una descrizione dettagliata delle attività svolte, tempi di esposizione, ecc.. per cui credo che difficilmente l'agenzia sia in possesso di tutte le informazioni necessarie...

Grazie :wink:

Alessandro2
Messaggi: 54
Iscritto il: sab giu 29, 2013 12:36 pm

Re: Denuncia Malattia Professionale

Messaggio da Alessandro2 » lun feb 17, 2020 12:54 pm

Buongiorno a tutti, scusate se mi intrometto, ma la visita medica preventiva a cosa serve?

Se il medico competente dell'azienda in cui ha lavorato per solo 2 mesi avesse riscontrato una sospetta malattia professionale in fase di visita preventiva non ci sarebbe alcun problema perchè sarebbe stato il medico competente a richiedere all'agenzia interinale di portare avanti la denuncia.

Se la malattia è insorta dopo è giusto che le imprese utilizzatrici dimostrino di non essere la causa (sorveglianza sanitaria, valutazione rumore, DPI, formazione rumore etc)

gibbosky
Messaggi: 1216
Iscritto il: ven gen 18, 2008 11:53 am

Re: Denuncia Malattia Professionale

Messaggio da gibbosky » sab feb 22, 2020 9:16 am

Ugo Fonzar ha scritto:
lun feb 17, 2020 11:43 am
secondo me l'osservazione
l'agenzia di somministrazione, che non è a conoscenza dei rischi specifici presenti nell'azienda e non ha effettuato la valutazione dei rischi, invia il questionario per MP all'utilizzatore richiedendo la compilazione
non è vero che sia così
ti chiedono i rischi che hai quando ti mandano un lavoratore
ovvio che i particolari non ce li hanno
ma la denuncia la devono fare loro
e tu collabori alla ricostruzione lavorativa e di vdr
Sono del tutto in accordo con Ugo, non ho avuto molte esperienze con le interinali, qualcuna ovviamente si, ma dove non è mai emersa l'eventualitàdi MP con INAIL che chiede conto all'agenzia, tuttavia dico che concordo pienamente con Ugo, in quanto a mio avviso (pur se regolamentati da normativa differente) la somminastrazione e l'istituto del distacco "di fatto" posso a mio avviso essere assimilati.

Ecco... e quindi, dal momento che a mio avviso sono due istituti molto vicini tra di loro "fattualmente" allora ricordo che il distaccante (e ci sono sentenze epocali di cassazione) non può affatto sbattersene dei rischi presso il distaccatario... anzi li deve conoscere molto bene e anzi aggiungo... deve vigialre affinché nella sede del distaccatario permangano le condizioni di conformità... praticamente risponde quanto il distaccatario.

Spero di aver chiarito il motivo per cui concordo con Ugo sul dissentire da quell'affermazione.

Saluti

Gibbosky

Rispondi