Inquinamento acustico, in Gazzetta i decreti con le nuove regole

Da: http://biblus.acca.it/

Dal 19 aprile in vigore i 2 decreti in materia di inquinamento acustico. Formazione tecnici competenti, mappature acustiche e valutazione di impatto acustico: ecco le novità

Pubblicati in Gazzetta Ufficiale i 2 decreti in materia di inquinamento acustico:

dlgs 17 febbraio 2017, n. 42, riordina i provvedimenti vigenti in materia di tutela dell’ambiente esterno e dell’ambiente abitativo dall’inquinamento acustico prodotto dalle sorgenti sonore fisse e mobili
dlgs 17 febbraio 2017, n. 41, relativo all’emissione acustica ambientale delle macchine ed attrezzature destinate a funzionare all’aperto
I due provvedimenti sono volti ad armonizzare la normativa nazionale con la relativa disciplina dell’Unione europea, in attuazione della legge 161/2014.

Ecco nel dettaglio le principali novità contenute nei 2 decreti in vigore dal 19 aprile 2017.

Dlgs 17 febbraio 2017, n. 42, inquinamento acustico infrastrutture

Il decreto 42/2017 prevede l’armonizzazione della normativa nazionale in materia di inquinamento acustico con la direttiva 2002/49/CE, relativa alla determinazione e gestione del rumore ambientale.

L’obiettivo è di ridurre le procedure di infrazione comunitaria aperte nei confronti dell’Italia in materia di rumore ambientale e di risolvere in modo definitivo alcune criticità normative.

In particolare:

modifica e integra il dlgs 194/2005 relativo alla gestione del rumore ambientale e la legge quadro sull’inquinamento acustico (legge 447/1995)
disciplina la figura professionale di tecnico competente in acustica
introduce l’obbligo di mappature acustiche
introduce l’obbligo di valutazione di impatto acustico
Tecnico in acustica
Il decreto individua nuove disposizioni riguardanti l’abilitazione all’esercizio della professione, in particolare:

i criteri generali per l’esercizio della professione
l’elenco nominativo dei soggetti abilitati istituito presso il Ministero dell’ambiente per garantire uniformi condizioni di accesso alla professione
i requisiti necessari per la relativa iscrizione
Mappature acustiche
Il decreto stabilisce adempimenti e scadenze in materia di mappatura acustica:

l’obbligo di redazione delle mappature acustiche secondo i criteri e le specifiche dettati dalla Direttiva Inspire (2007/2).
l’adozione, a decorrere dal 31 dicembre 2018, di metodi comuni per la determinazione del rumore stabiliti dalla Direttiva 2002/49/CE
Valutazione di impatto acustico
Il decreto prevede piani d’azione e contenimento del rumore degli aeroporti principali, degli agglomerati e degli assi stradali e ferroviari principali.

Viene introdotta un’apposita disciplina a tutela dall’inquinamento acustico prodotto dagli impianti di risalita a fune e a cremagliera, dagli eliporti, dagli impianti eolici e dal traffico marittimo.

In pratica, prevede l’emanazione di nuovi regolamenti per le sorgenti di rumore attualmente non considerate dalla normativa quali: impianti eolici, aviosuperfici, elisuperfici, idrosuperfici, attività e discipline sportive e attività di autodromi e piste motoristiche.

Inoltre, l’aggiornamento della disciplina delle emissioni sonore prodotte nello svolgimento di attività sportive, autodromi e piste motoristiche.

Dlgs 17 febbraio 2017, n. 41, inquinamento acustico macchine e attrezzature

Il decreto 41/2017 prevede l’armonizzazione della normativa nazionale in materia di inquinamento acustico con la direttiva 2000/14/CE e con il regolamento CE n. 765/2008.

Nello specifico ha l’obiettivo di colmare il vuoto normativo relativo macchine rumorose operanti all’aperto, con particolare riguardo a quelle importate da Paesi extracomunitari e poste in commercio nella distribuzione di dettaglio senza la certificazione e la marcatura CE.

Il provvedimento prevede anche semplificazioni nei procedimenti di autorizzazione degli Organismi di certificazione; rafforzata, inoltre, la disciplina sanzionatoria prevista, conferendo ad ISPRA maggiori poteri di accertamento e verifica.

Clicca qui per scaricare il decreto 17 febbraio 2017, n. 42Clicca qui per scaricare il decreto 17 febbraio 2017, n. 41

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il loggin.

Locations of visitors to this page