Sistri: e’ scontro tra le imprese e il ministro dell’Ambiente

Da: http://www.ingegneri.info/

Rete Imprese Italia replica alle affermazioni di Clini. Pur comprendendo l’obiettivo di contrastare ecomafie e criminalita’ organizzata, secondo l’associazione il decreto va abrogato immediatamente

“Il decreto sul sistema Sistri per rendere tracciabili i rifiuti è il frutto di una lunga consultazione che ha visto coinvolti in prima persona tutti i soggetti interessati, e in primo luogo le imprese”. Così il ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, risponde a Rete Imprese Italia che, in occasione della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 19 aprile del decreto riguardante le modalità per l’entrata in vigore del Sistri, aveva affermato: “Il decreto sul Sistri va ritirato e abrogato immediatamente. Le imprese sono allo stremo, ma il Governo si ostina a non capire”.

Secondo Clini, invece, il decreto è un atto dovuto, “come previsto dall’articolo 52 del decreto legge 83/2012, convertito nella legge 134/2012. La tracciabilità del flusso di rifiuti è anche un obbligo europeo. Il decreto, dopo le valutazioni dell’Avvocatura dello Stato e dell’Agenzia per l’Italia Digitale, prevede l’avvio del Sistri in modo graduale e con un meccanismo flessibile che consentirà di ridurre gli oneri amministrativi e organizzativi per le imprese”.

“Inoltre – ricorda il ministro – sono stati esclusi costi a carico delle imprese per tutto il 2013. E per gli anni successivi i costi saranno rapportati al servizio effettivamente reso”. Ma, conclude il ministro, “attivare il Sistri è soprattutto un dovere morale: l’assenza di un sistema di tracciabilità dei rifiuti è un assist intollerabile a chi evade gli impegni ambientali e soprattutto alla malavita organizzata e alle ecomafie”.

“Di incomprensibile in questa vicenda c’è solo l’atteggiamento del ministro dell’Ambiente” è invece la nuova replica di Rete Imprese Italia alle ultime affermazioni del ministro Clini. “Non abbiamo mai messo in discussione l’utilità e la necessità della tracciabilità sui rifiuti – si legge nella nota di Rete Imprese Italia – e siamo i primi a sostenere e comprendere l’importanza dei controlli in quest’ambito per contrastare le ecomafie e la criminalità organizzata”.

“Quello che, però, contestiamo al ministro Clini è la complessità del Sistri e le pesanti ricadute per le imprese. Per questo ne sosteniamo l’abrogazione e, al tempo stesso, chiediamo invano da due anni, prima al ministro Prestigiacomo e poi al ministro Clini, la riprogettazione di un nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti che risponda a criteri di efficienza, trasparenza, economicità e semplicità”. “Basterebbe semplicemente guardare ad altri Paesi europei per trovare le adeguate soluzioni. Pertanto, riteniamo che il tenore e le parole del ministro dell’Ambiente nei nostri confronti – conclude Rete Imprese -non solo siano irricevibili e inconciliabili con il ruolo istituzionale ricoperto, ma costituiscano un vero e proprio insulto alla parte più vitale del mondo produttivo che noi rappresentiamo. E per questo, invitiamo il ministro Clini, sempre sensibile alle richieste della grande industria, a prestare maggiore cautela, ascolto e attenzione alle richieste delle pmi, che stanno vivendo sulla propria pelle una crisi profonda senza averne colpe”.

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il loggin.

Locations of visitors to this page