D.Lgs. 231/2001: modifica all’OdV (Organismo di Vigilanza)

Questa notizia è stata tratta da: http://www.amblav.it/

Novità sui soggetti che possono svolgere le funzioni dell’OdV di cui all’art. 6, comma 1, lettera b) del D.Lgs. 231/2001, sulla responsabilità degli Enti e società.

————-

La modifica è contenuta nel comma 12 dell’art. 14 della c.d. “Legge sulla stabilità” approvata l’11.11.2011 e che dovrebbe essere pubblicata sulla G.U. lunedì 14.11.2011, che recita:

12. All’articolo 6 del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, dopo il comma 4 è inserito il seguente:
“4-bis. Nelle società di capitali il collegio sindacale, il consiglio di sorveglianza e il comitato per il controllo della gestione possono svolgere le funzioni dell’organismo di vigilanza di cui al comma 1, lettera b)”.

Vi sono, però, vari elementi da esaminare.

1.
La modifica:
- vale SOLO per “Nelle società di capitali”
- entra in vigore il 1 gennaio 2012 e, quindi, NON è immediatamente operativa.

Inoltre, la modifica dovrà essere verificata Ente per Ente, poiché il D.Lgs. 231/2001, all’art. 6, comma 1, lettera b), impone che il compito di vigilare sul funzionamento …. è affidato a un organismo … dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo”.

Ne deriva che devono essere sottoposti agli autonomi poteri di iniziativa e di controllo dell’OdV tutti i soggetti/organismi aziendali, compresi:
- collegio sindacale
- consiglio di sorveglianza
- comitato per il controllo della gestione

Quindi ogni Ente dovrà, in ogni caso:
- nominare gli Organismi/collegi con delibere aventi diversi oggetto e contenuti;
- prevedere un sistema disciplinare a carico anche dei collegi/comitati
- verificare l’assenza di conflitti di interesse tra soggetti “controllore” e “controllato”.

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il loggin.

Locations of visitors to this page