Archivio della Categoria 'Sicurezza&Salute'

Sicurezza sul lavoro: nuove indicazioni operative per la formazione dalla Regione Lazio

lunedì 18 dicembre 2017

Da: http://asq.cnaroma.it/

La Regione Lazio ha pubblicato le nuove indicazioni operative per la formazione sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e per l’abilitazione all’uso di attrezzature.

Il Comitato regionale di coordinamento delle attività di prevenzione e vigilanza in materia di salute e sicurezza della Regione Lazio, delinea le linee guida valide per tutti gli operatori della prevenzione:
Semplificazione delle procedure per la realizzazione dei corsi di formazione e aggiornamento e sulle caratteristiche che devono avere i docenti e gli enti formatori.
Organismi paritetici, RLST, lavoratori dirigenti e preposti e docenti, avranno una piattaforma di consultazione, per capire la validità o meno delle attività formative.
Gli organi di vigilanza, saranno facilitati per un’unica lettura della normativa e per un’uniformità di comportamenti.

Scarica le procedure


Un iniziativa per migliorare la qualità della formazione: Roma 22 Gennaio 2017

lunedì 18 dicembre 2017

Un iniziativa per migliorare la qualità della formazione: Roma 22 Gennaio 2017: Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro: indicazioni operative per la formazione

Certificazioni contraffatte, attestati dati senza fare corsi, formazione a distanza per corsi che prevedono un addestramento pratico, docenti senza i requisiti professionali previsti.

Per porre un argine a tutto questo, la Regione Lazio e le Parti Sociali, hanno realizzato le:
Indicazioni Operative Regionali per la Formazione alla Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro
Con le “Indicazioni operative” il Comitato regionale di coordinamento delle attività di prevenzione e vigilanza in materia di salute e sicurezza della Regione Lazio, si è proposto di dare una guida valida a tutti gli operatori della prevenzione.
– Le aziende avranno una facile lettura delle modalità con cui vanno realizzati e vari corsi di formazione e aggiornamento, sulle caratteristiche che devono avere i docenti e gli Enti formatori.
– Gli organismi Paritetici, gli RLST, lavoratori dirigenti e proposti e docenti, avranno una base di semplice consultazione, per capire la validità o meno delle attività formative.
– Gli Organi di Vigilanza, saranno facilitati per un’unica lettura della normativa e per un uniformità di comportamenti.

Gli organismi paritetici della Regione Lazio OPRA/OPRAS/CEFME-CTP organizzano un seminario il 22 Gennaio ore 15.00 presso il “Tempio di Adriano – Piazza di Pietra” per illustrare e dibattere i contenuti delle linee guida, anche con gli organi di vigilanza.
Nell’iniziativa saranno inoltre presentate proposte, per mettere in grado imprese e lavoratori di valutare le proposte formative di qualità ed evitare truffe e raggiri

Per iscriversi e scaricare il programma:
Iscrizione + Programma

***

Commento di Ugo Fonzar: grande iniziativa! Anche noi nel ns piccolo con Ocjo al consulente abbiamo APERTO IL VASO DI PANDORA! –> qui i risultati che abbiamo ottenuto del ns convegno tenutosi nella provincia della repubblica – (per gli onesti una “nuova speranza”)


Norme tecniche armonizzate: DPI e prodotti da costruzione

sabato 16 dicembre 2017

2017/C 435/02

Comunicazione della Commissione nell’ambito dell’applicazione della direttiva 89/686/CEE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative ai dispositivi di protezione individuale (Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della normativa dell’Unione sull’armonizzazione)

2017/C 435/03
Comunicazione della Commissione nell’ambito dell’applicazione del regolamento (UE) n. 305/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio che fissa condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione e che abroga la direttiva 89/106/CEE del Consiglio (Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della normativa dell’Unione sull’armonizzazione)

2017/C 435/07
Comunicazione della Commissione nell’ambito dell’applicazione del regolamento (UE) n. 305/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio che fissa condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione e che abroga la direttiva 89/106/CEE del Consiglio (Pubblicazione dei riferimenti dei documenti per la valutazione europea a norma dell’articolo 22 del regolamento (UE) n. 305/2011)


Pronto per l’inchiesta pubblica finale – Attività Professionali non Regolamentate – Manager HSE (Health, Safety and Environment) – Requisiti di conoscenza, abilità e competenza

venerdì 15 dicembre 2017

Il comitato UNI/CT 42 ha riportato la Risoluzione – Approvazione del prUNI1602096 “Attività Professionali non Regolamentate – Manager HSE (Health, Safety and Environment) – Requisiti di conoscenza, abilità e competenza” per l’invio all’Inchiesta Pubblica Finale

Ne dovremo forse tener conto


Andrea Rotella è con noi di studioFonzar & Partners !

giovedì 14 dicembre 2017

Era il 9 ottobre 2009 quando conobbi di persona l’ing. Rotella Andrea.

Venne ad Aquileia a parlare del D.Lgs. 106/09, dove lui mise le mani per riformulare l’apparato sanzionatorio che era stato “buttato lì” come una mannaia, all’atto della scrittura del D.Lgs. 81/08 prima edizione.

Lo conoscevamo già come ursamaior, dal forum di sicurezzaonline.it, ma di persona fece molta impressione a tutti. Le slides le allego qui (ammiratele, leggete le perle di saggezza –> fu UNICO)

Era la prima volta che un ingegnere che proveniva dal cuore della repubblica, veniva a parlare nella provincia dell’impero, di come si scrivono le leggi in ItaGlia: lo fece in un modo splendido e dalle nostre parti mai sentito. Guardate come ci parlava!

Ci innamorammo tutti di lui (ok Vittorio, amo anche te, dai … non fare così – la foto di noi due innamorati è di quell’epoca lì).

Negli anni successivi ci incontrammo dinuovo, sia per lavoro, che per amicizia.
Alla costituzione della società, Andrea (assieme ad un altro grande che non lo nomino per rispetto e sudditnza) hanno fatto parte del Comitato Scientifico di studioFozar & Partners srl.

Mi ha sempre colpito la differenza di approccio alla materia: noi contadini della sicurezza, lui, Andrea, il poeta. Noi i pratici, lui il teologo della sicurezza.

Il culmine della vita professionale “parallela” è quando ha chiesto a me e ad altri, di scrivere l’edizione 2016 del Manuale della sicurezza di IPSOA WKI (arrivato all’edizione 2017).

Un lavoro immane, ma con gli altri “cavalieri della tavola rotella” abbiamo fatto un lavoro molto originale, coordinati da un sub-comandante che fa comandare il popolo. E io ero il cavaliere scemo tra gli altri!

Il culmine della vita privata fu quando abbiamo dormito assieme: anzi io ho dormito russando e lui si è fatta la notte sveglio… pensavo rimanesse secco.

Dopo tanti anni di confronti e di corrispondenze a distanza e discussioni / incontri di persona, ho l’onore di dire che studioFonzar & Partners ha un nuovo partner: Andrea Rotella.

La collaborazione è una collaborazione a distanza ravvicinata, sia per sentire comune di certi principi, sia per la condotta etica e ligia al dovere, sia per il completo contrasto di opinioni su alcuni argomenti del nostro lavoro: di questi ultimi contrasti, me ne frego altamente, in quanto lui ha ragione, ma anche io ce l’ho.

La nuova squadra di studioFonzar che troverete nella presentazione è frutto di un lavoro: anche questo con molti scontri e confronti (grazie a Paolo Aizza fotografo e a Maurizio Barut grafico – andiamo d’accordo dai ragazzi tra noi tre…)

Il sito ad oggi è da rifare, ok, ma noi siamo questi: prendere o lasciare.
Il blog e il forum godono di forte salute invece!
Anche il blog di Andrea direi è notevole!

Da oggi possiamo quindi dire tranquillamente che “studiFonzar è presente anche a Roma e dintorni”!

Che cosa potremmo fare assieme Noi con Andrea Rotella? Ovviamente cambieremo il mondo della sicurezza nelle aziende, e salveremo tutti, che altro?

PS: essendo il fodero di Andrea Rotella (sono il suo “pisolone” e lui può dormire dentro di me), ritengo (e spero) di essere anche il suo unico amante maschio. Io mangio come l’ultimo della cucciolata, ma lui ragiona come se non ci fosse un domani – forse facciamo una coppia strana, ma unica, statene sicuri.


Esplosione durante un travaso da scarica elettrostatica

mercoledì 13 dicembre 2017


Cultura della sicurezza informatica: come formare gli smart worker

mercoledì 13 dicembre 2017

Da: http://www.ipsoa.it/

Giovanni Ziccardi – Professore associato di informatica giuridica presso l’Università degli Studi di Milano

Per un uso responsabile delle tecnologie da parte di collaboratori e dipendenti la formazione è un passo indispensabile per l’azienda, soprattutto se ricorre allo smart working. Formazione in senso stretto, istruzioni dettagliate, policy aziendali e percorsi di certificazione sono i quattro pilastri su cui deve fondarsi la strategia delle imprese e ai quali è collegato il successo di ogni processo produttivo. Questi quattro cardini sono, in un sistema complesso come quello generato dallo smart working, strettamente connessi tra loro. Come si sviluppano?

continua qui


Articoli del D.Lgs. 81/08 che se presi alla lettera sono VESSATORI – 3

mercoledì 13 dicembre 2017

Da: http://ugofonzar.postilla.it

Dopo la prima analisi dei “disposti di legge giusti” con applicazioni però vessatorie, voglio evidenziare anche il caso di uno spostamento di un macchinario (marcato CE) in uno stesso stabilimento, anzi nella stessa stanza, senza modifiche di alcun genere – quali obblighi?

Art. 71. Obblighi del datore di lavoro

4. Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché:

8. … il datore di lavoro provvede affinché:
1) le attrezzature di lavoro la cui sicurezza dipende dalle condizioni di installazione siano sottoposte a un controllo iniziale (dopo l’installazione e prima della messa in esercizio) e ad un controllo dopo ogni montaggio in un nuovo cantiere o in una nuova località di impianto, al fine di assicurarne l’installazione corretta e il buon funzionamento;

Si sottolinea che le attrezzature soggette a verifica di installazione con controllo iniziale e relativa formalizzazione sono quelle “la cui sicurezza dipende dalle condizioni di installazione”, tipicamente le gru da cantiere (cfr. www.aslmi1.mi.it – AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N° 1 – Dipartimento di Prevenzione Medica U.O. Sicurezza ed Impiantistica, Sezione Apparecchi di Sollevamento; I MEZZI DI SOLLEVAMENTO DA CANTIERE PRINCIPALI ADEMPIMENTI PREVISTI DALLA NORMATIVA VIGENTE – Dicembre 2006)

Un fac.simile di dichiarazione in tal senso è di seguito riportata:

Attestazione di conformità (secondo l’art. 71, comma 8 e 9 del D.Lgs. 81/08)
Il sottoscritto _______, nato a_________, il _______, residente a __________, nella mia qualità di ….. (Legale Rappresentante della ditta) __________, con sede a ____________
DICHIARA
sotto la propria responsabilità (ai sensi di quanto stabilito nell’art. 71, comma 8 e 9 del D.Lgs. 81/08) che l’attrezzatura di lavoro
Modello: _________________________ Tipo: _________________________
Numero matricola: _________________________
da me montata per la ditta _____________________ il giorno _____
è installata correttamente, ha un buon stato di conservazione, è efficiente e ha un buon funzionamento
Luogo e data Nome, Funzione e Firma

L’interpretazione letterale e una interpretazione tecnica estrema (ma c’è sempre il genio in mezzo di alcuni) porta a ipotizzare che tutte le attrezzature di lavoro posson esser influenzate dalla loro modalità di installazione, nonostante si siano seguite le istruzioni di installazione in conformità alle istruzioni per l’uso (co. 4 lett b): pensate alla morsa con relativi sistemi di fissaggio al banco (è una attrezzatura di lavoro anche la morsa manuale!)… ma anche forse un trapano da banco o a colonna con relativi fissaggi.

Ogni volta che sposto una attrezzatura di lavoro (in una nuova località di impianto… che significa?) devo scrivere tale dichiarazione?

Dove sta la parte vessatoria di tal disposto? Non sicuramente per una gru da cantiere, di certo invece in caso di spostamento di una morsa da banco di cui sopra (o di altre semplici macchine).


Manuale sicurezza sul lavoro 2017 IPSOA WKI

martedì 12 dicembre 2017

La nuova edizione 2017 è ideale per un regalo di Natale!

Manuale sicurezza sul lavoro 2017 IPSOA WKI !!!

Il manuale normo-tecnico Sicurezza sul lavoro 2017 è uno strumento di competenza attraverso il quale vengono fornite agli addetti ai lavori le conoscenze necessarie per gestire al meglio le situazioni a rischio nelle aziende e nei cantieri e tendere così, attraverso il miglioramento continuo, all’obiettivo della sicurezza.

L’approccio del Manuale è essenzialmente tecnico poiché tali sono le competenze dei suoi autori, pur se i contenuti sono trattati con linguaggio semplice e comprensibile anche per coloro che approcciano per la prima volta la materia.

Tra le novità dell’edizione 2017 citiamo: le nuove norme riguardanti la formazione di RSPP e ASPP, l’evoluzione in tema di ascensori, la nuova disciplina dei campi elettromagnetici, nuove norme tecniche in tema di macchine e dispositivi di protezione individuale.

Il Volume è strutturato in due parti:

La Parte I è organizzata riprendendo la struttura dei Titoli del Testo Unico della sicurezza sul lavoro: in tal modo il lettore è indirizzato ai singoli argomenti secondo la disposizione logica degli stessi assegnata dal legislatore. Tutti i temi di questa prima parte sono trattati con un approccio tecnico, volto alla descrizione degli stessi, alla loro analisi e alla ricerca delle soluzioni. Non è comunque tralasciato anche l’aspetto normativo. Al termine della trattazione tecnica segue l’analisi degli articoli della norma meritevoli di attenzione.

La Parte II è invece rivolta alla trattazione degli argomenti “ulteriori” rispetto al T.U. D.Lgs. n. 81/2008, generalmente disciplinati da altre norme, ancora una volta affrontati nei loro aspetti tecnici, completando così il quadro di riferimento delle principali tematiche della sicurezza sul lavoro.

I capitoli sono arricchiti da note ed esempi, utili ad evidenziare particolari aspetti ovvero fornire applicazioni pratiche di quanto rappresentato in teoria.

Nella pagina web di accompagnamento all’Opera sono disponibili per la consultazione e il download tutta la modulistica di supporto e una selezione di articoli di approfondimento e di recenti sentenze delle Corte Suprema citati nel volume e tratti, rispettivamente, dalle riviste ISL Igiene & Sicurezza del Lavoro e ISL I Corsi e dall’ultima edizione dell’opera di Raffaele Guariniello, Il T.U. Sicurezza sul lavoro commentato con la giurisprudenza.

PIANO DELL’OPERA

PARTE I – T.U. N. 81/2008
CAPITOLO 1 – TITOLO I T.U. – PRINCIPI COMUNI
CAPITOLO 2 TITOLO II T.U. – LUOGHI DI LAVORO
CAPITOLO 3 – TITOLO III T.U. – USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DPI
CAPITOLO 4 – TITOLO IV T.U. – CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI
CAPITOLO 5 – TITOLO V T.U. – SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO
CAPITOLO 6 – TITOLO VI T.U. – MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI
CAPITOLO 7 – TITOLO VII T.U. – ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI
CAPITOLO 8 – TITOLO VIII T.U. – AGENTI FISICI
CAPITOLO 9 – TITOLO IX T.U. – SOSTANZE PERICOLOSE
CAPITOLO 10 – TITOLO X T.U. – ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI
CAPITOLO 10-BIS – TITOLO X-BIS T.U. – PROTEZIONE DALLE FERITE DA TAGLIO E DA PUNTA NEL SETTORE OSPEDALIERO E SA-NITARIO
CAPITOLO 11 – TITOLO XI T.U. – PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE

PARTE II – ULTERIORI ARGOMENTI IN TEMA DI SICUREZZA SUL LAVORO
CAPITOLO 12 – ALCOL, SOSTANZE STUPEFACENTI E LAVORO
CAPITOLO 13 – AMBIENTI SOSPETTI D’INQUINAMENTO O CONFINATI
CAPITOLO 14 – ASCENSORI E MONTACARICHI
CAPITOLO 15 – ATTREZZATURE A PRESSIONE
CAPITOLO 16 – INCIDENTI RILEVANTI – SEVESO III, D.LGS. N. 105/2015
CAPITOLO 17 – INFORTUNI E MALATTIE PROFESSIONALI
CAPITOLO 18 – MACCHINE
CAPITOLO 19 – PREVENZIONE INCENDI
CAPITOLO 20 – RADIAZIONI IONIZZANTI
CAPITOLO 21 – REGOLAMENTO REACH E REGOLAMENTO CLP
CAPITOLO 22 – STRESS LAVORO CORRELATO
CAPITOLO 23 – TUTELA DEI MINORI E DELLE LAVORATRICI MADRI

********************

Se hai quello con copertina blu… è del 2016 …. aggiornalo con la nuova edizione 2017


Una posizione aperta in studioFonzar per Direttiva Macchine

martedì 12 dicembre 2017

INGEGNERE JUNIOR – PERITO ELETTRONICO-ELETTRICO-MECCANICO – IN MATERIA DI SICUREZZA DEL MACCHINARIO

DESCRIZIONE OFFERTA
Per il potenziamento delle competenze tecniche, Studio Fonzar & Partners srl ricerca una figura fino a 2 anni di esperienza lavorativa da far crescere all’interno del gruppo.
Il candidato si occuperà progressivamente in affiancamento e/o previa formazione specifica delle seguenti attività:
– Direttiva macchine – consulenza e audit
– Manuali delle istruzioni per l’uso
– Valutazione dei rischi sui macchinari e costituzione del Fascicolo tecnico della costruzione
– Calcolo dell’affidabilità delle funzioni di sicurezza

Profilo ricercato
Il candidato/a ideale è un laureato/a in Ingegneria / perito industriali, di età compresa tra 19 e i 24 anni.
Completano il profilo le seguenti conoscenze:
Informatiche: buona conoscenza di Office
Linguistiche: buona conoscenza inglese

Capacità richieste
• Capacità approfondimenti tecnici
• Conoscenza lettura schemi elettrici, pneumatici oleoidraulici
• Problem solving
• Autocontrollo e gestione dello stress
• Disponibilità ai rapporti interpersonali ed attitudine al teamwork
• Gestione della comunicazione
• Gestione dei conflitti
• Motivazione del team di progetto e di staff
• Flessibilità
• Iniziativa

Tipologia di inserimento: da contratto di Apprendistato fino a contratto da determinare in base al profilo candidato

Sede di lavoro: Aquileia con sopralluoghi presso aziende clienti nel triveneto

*******

PER QUESTE OFFERTE CONTATTARE:
Tel: 3383098673
selezionestudiof@gmail.com


Locations of visitors to this page