Archivio della Categoria 'Prodotti sicuri'

LVD 2014/35/EU – Guidelines on the application of the directive

giovedì 2 novembre 2017

Da: http://ec.europa.eu/

LVD 2014/35/EU – Guidelines on the application of the directive – November 2016

Guidance document on the Low Voltage Directive transition from 2006/95/EC to 2014/35/EU

altre info qui


CENELEC Guide 29 – Temperatures of hot surfaces likely to be touched

giovedì 26 ottobre 2017

Temperatures of hot surfaces likely to be touched


Marcatura CE e Brexit della UK

martedì 24 ottobre 2017

CE marking: good for business and consumers

Da: http://bcas.org.uk/

The UK took the unprecedented decision to leave the European Union and with Brexit expected to take place in March 2019, there is a race against time to determine the future UK-EU relationship. All sectors are impacted and have to deal with an uncertain regulatory landscape. In this paper, we as organisations representing manufacturers in key sectors argue the case for retaining CE marking by outlining its benefits and how it helps to ensure smooth trade across Europe.

il documento qui


Norme tecniche armonizzate – direttiva ATEX 2014/34/UE

mercoledì 20 settembre 2017

Comunicazione della Commissione nell’ambito dell’applicazione della direttiva 2014/34/UE del Parlamento europeo e del Consiglio concernente l’armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative agli apparecchi e sistemi di protezione destinati a essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva


Norme tecniche armonizzate Direttiva Bassa Tensione

domenica 10 settembre 2017

Comunicazione della Commissione nell’ambito dell’applicazione della direttiva 2014/35/UE del Parlamento europeo e del Consiglio concernente l’armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative alla messa a disposizione sul mercato del materiale elettrico destinato a essere adoperato entro taluni limiti di tensione

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della normativa dell’Unione sull’armonizzazione)
(Testo rilevante ai fini del SEE)

(2017/C 298/02)


Tangenti della Pilosio, sequestrato patrimonio da 2,4 milioni di euro

venerdì 1 settembre 2017

Tangenti della Pilosio, sequestrato patrimonio da 2,4 milioni di euro
Ha intascato tangenti per 27 anni, sequestrato un patrimonio da 2,4 milioni di euro
Il gip del tribunale di Udine Matteo Carlisi ha disposto il provvedimento nei confronti dell’ingegner Michele Candreva

Commento di Federico: (che condivido in pieno)
e “noi” a farci le seghe se il tubo e il giunto sono dello stesso costruttore … e poi si scopre come venivano fatte le autorizzazioni ministeriali…


Interpretazione di “modifica sostanziale di macchine” in Germania

martedì 29 agosto 2017

Dal Ministero Federale del Lavoro e degli Affari Sociali in materia di sicurezza dei prodotti http://www.bmas.de/

Federal Ministry of Labour and Social Affairs Product Safety Act / 9th Ordinance on Product Safety (Machinery Ordinance)Here: Interpretation paper on substantial modification to machinery– Notice from the Federal Ministry of Labour and Social Affairs of 9 April 2015 – IIIb5-39607-3 –

***

Il ragionamento è il seguente – ci sono tre tipi di casi (per i tedeschi):
1. Non esiste un nuovo pericolo o nessun aumento di un rischio esistente, in modo che la macchina possa ancora essere considerata sicura
2. Anche se c’è un nuovo pericolo o un aumento di un rischio esistente, le misure di protezione esistenti della macchina prima della modifica sono ancora sufficienti in modo che la macchina possa ancora essere considerata sicura
3. C’è un nuovo pericolo o un aumento di un rischio rispetto l’esistente e le misure di protezione esistenti non sono sufficienti o adeguate

Non sono necessarie misure protettive aggiuntive per le macchine modificate nel caso di tipo 1 e 2. Le macchine modificate di tipo 3, tuttavia, devono essere esaminate ulteriormente sistematicamente attraverso una valutazione dei rischi per quanto riguarda la questione se sia stata apportata una modifica sostanziale.Occorre determinare se è possibile riportare la macchina modificata in condizioni di sicurezza con “semplici protezioni” (NdR: si parla di “salvaguardie” e l’ho tradotta “protezioni”). È necessario effettuare una revisione per determinare se la “semplice protezione” elimina o minimizza minimamente il rischio. Se questo è il caso, la modifica di solito può essere considerata non sostanziale.

Un esempio di una “semplice protezione” del suddetto senso è una protezione fissa. Le protezioni e dispositivi di protezione interbloccabili sono considerati anche “semplici protezioni” purché non interferiscano in modo significativo nell’esistente sistema controllo di sicurezza della macchina. Ciò significa che solo i segnali per la cui elaborazione l’esistente sistema di controllo di sicurezza sono stati progettati, sono collegati tramite queste protezioni mobili o dispositivi di protezione interbloccabili o che, indipendentemente dal sistema di controllo di sicurezza esistente, solo l’arresto sicuro della funzione macchina pericolosa è influenzato.

La sostituzione di componenti di un macchinario con componenti o componenti identici con funzione identica e uguale livello di sicurezza o l’installazione di dispositivi di sicurezza che portano ad un aumento del livello di sicurezza della macchina e che non consentono funzionalità o funzioni aggiuntive non sono considerate modifiche sostanziali.

Nota:
Indipendentemente da ciò, l’obbligo di istituire misure di protezione supplementari può derivare da altra legislazione per il datore di lavoro, che rende la macchina disponibile ai propri dipendenti come attrezzatura di lavoro.
In linea di principio, per tutte le modifiche alla macchina – non solo dopo modifiche sostanziali – una valutazione del rischio deve essere effettuata in conformità al § 3 dell’ordinanza sulla sicurezza e salute industriali9 (BetrSichV). Questo è uno dei requisiti di sicurezza e di salute occupazionali dell’utilizzatore di un macchinario o di un sistema come attrezzatura di lavoro. Sulla base della valutazione dei rischi, potrebbero essere necessarie misure, in particolare tecniche, per fornire ai dipendenti attrezzature di lavoro sicure.
È necessario esaminare se è necessaria un “aggiustamento” delle informazioni sul funzionamento sicuro della macchina, come le istruzioni di lavoro (cfr. § 12 BetrSichV).

Macchinari sostanzialmente modificati vengono trattati come nuovi macchinari. … Ciò significa che la persona che è responsabile della modifica sostanziale, è da considerarsi il fabbricante e deve quindi adempiere agli obblighi del fabbricante. Conformemente a ciò, il fabbricante deve garantire che la macchina modificata soddisfi i requisiti essenziali di sicurezza e di salute di cui all’allegato I della direttiva macchine. Il fabbricante effettua le opportune procedure di valutazione della conformità per le macchine sostanzialmente modificate ed in particolare compila il fascicolo tecnico prescritto, con il quale può essere dimostrata l’attuazione della procedura di valutazione della conformità. Inoltre, il fabbricante fornisce le istruzioni e, se necessario, fornisce le macchine sostanzialmente modificate con avvertimenti di rischi residui che non possono essere ulteriormente minimizzati con misure di protezione tecnica a causa dello stato dell’arte. Infine, il fabbricante redige la dichiarazione di conformità CE, la attribuisce e appone la marcatura CE ai macchinari sostanzialmente modificati.

Linee complessa di macchinari
Per la modifica di una linea complessa di macchine, si applicano i principi di cui sopra.
Se una modifica riguarda solo una parte di un insieme di macchinari (ad esempio, una linea di produzione complessa o un sistema di produzione integrato) deve essere determinata in che misura questo influirà sull’assemblaggio (sistema nel suo complesso). Se questa modifica stessa è considerata sostanziale e il suo impatto sul montaggio è pure, questo è un caso di sostanziale modifica in una linea complessa di macchinari.

***

NdR: traduzione mia… quindi attenzione

Considerazioni:
1 – in Italia non tengono botto un po’ di indicazioni incerte, come le “semplici protezioni”, e il “di solito” che ho evidenziato sopra – siamo più complessi noi latini con i ragionamenti (poi c’è il diritto penale che apre altre vie “infinite”…)
2 – da valutare queste indicazioni del 2015 in base all’ultima linea guida 2.1 sulla direttiva macchine


FAQs – Radio Equipment Directive (RE-D)

lunedì 28 agosto 2017

FAQs – Radio Equipment Directive (RE-D)https://ec.europa.eu/docsroom/documents/24921/attachments/1/translations/en/renditions/native

(grazie Gerod)


Johnson & Johnson ordered to pay $417 million in talcum powder case

mercoledì 23 agosto 2017

Da: http://edition.cnn.com/

A jury awarded $417 million to a longtime user of the powder who has ovarian cancer
Johnson & Johnson said it will appeal, “continue to defend the safety” of the product
On Monday, a jury awarded a California woman $417 million because she developed ovarian cancer and had used Johnson & Johnson Baby Powder for decades. The award includes $70 million in compensatory damages and $347 million in punitive damages.

continua qui


Regolamento REACH. Come si registrano le sostanze chimiche

mercoledì 23 agosto 2017

Regolamento REACH. Come si registrano le sostanze chimiche
Da: http://www.minambiente.it/reach2018

Il 31 maggio 2018 si sta avvicinando e le imprese devono prepararsi per registrare in tempo le sostanze chimiche che producono o importano.

Per fare questo occorre contattare l’ECHA per accertarsi se la sostanza di proprio interesse è già stata registrata da altre imprese.

Se la sostanza è già stata registrata, seguire le indicazioni dell’ECHA per condividere con le altre imprese registranti i dati da presentare.

Se la sostanza non è stata registrata, avviare le attività necessarie per predisporre il fascicolo di registrazione.

Per maggiori informazioni sugli obblighi previsti dal regolamento può essere consultata la pagina www.reach.gov.it/informazione-limpresa

Clicca qui per maggiori informazioni

Direzione Generale per le Valutazioni
e le Autorizzazioni Ambientali
Via Cristoforo Colombo, 44
00147 ROMA


Locations of visitors to this page