Manuale sicurezza sul lavoro 2017 IPSOA WKI !!!

29 maggio 2017 | Pubblicato in Sicurezza&Salute | Nessun Commento »

C’è la nuova edizione!!!

Manuale sicurezza sul lavoro 2017 IPSOA WKI !!!

Il manuale normo-tecnico Sicurezza sul lavoro 2017 è uno strumento di competenza attraverso il quale vengono fornite agli addetti ai lavori le conoscenze necessarie per gestire al meglio le situazioni a rischio nelle aziende e nei cantieri e tendere così, attraverso il miglioramento continuo, all’obiettivo della sicurezza.

L’approccio del Manuale è essenzialmente tecnico poiché tali sono le competenze dei suoi autori, pur se i contenuti sono trattati con linguaggio semplice e comprensibile anche per coloro che approcciano per la prima volta la materia.

Tra le novità dell’edizione 2017 citiamo: le nuove norme riguardanti la formazione di RSPP e ASPP, l’evoluzione in tema di ascensori, la nuova disciplina dei campi elettromagnetici, nuove norme tecniche in tema di macchine e dispositivi di protezione individuale.

Il Volume è strutturato in due parti:

La Parte I è organizzata riprendendo la struttura dei Titoli del Testo Unico della sicurezza sul lavoro: in tal modo il lettore è indirizzato ai singoli argomenti secondo la disposizione logica degli stessi assegnata dal legislatore. Tutti i temi di questa prima parte sono trattati con un approccio tecnico, volto alla descrizione degli stessi, alla loro analisi e alla ricerca delle soluzioni. Non è comunque tralasciato anche l’aspetto normativo. Al termine della trattazione tecnica segue l’analisi degli articoli della norma meritevoli di attenzione.

La Parte II è invece rivolta alla trattazione degli argomenti “ulteriori” rispetto al T.U. D.Lgs. n. 81/2008, generalmente disciplinati da altre norme, ancora una volta affrontati nei loro aspetti tecnici, completando così il quadro di riferimento delle principali tematiche della sicurezza sul lavoro.

I capitoli sono arricchiti da note ed esempi, utili ad evidenziare particolari aspetti ovvero fornire applicazioni pratiche di quanto rappresentato in teoria.

Nella pagina web di accompagnamento all’Opera sono disponibili per la consultazione e il download tutta la modulistica di supporto e una selezione di articoli di approfondimento e di recenti sentenze delle Corte Suprema citati nel volume e tratti, rispettivamente, dalle riviste ISL Igiene & Sicurezza del Lavoro e ISL I Corsi e dall’ultima edizione dell’opera di Raffaele Guariniello, Il T.U. Sicurezza sul lavoro commentato con la giurisprudenza.

PIANO DELL’OPERA

PARTE I – T.U. N. 81/2008
CAPITOLO 1 – TITOLO I T.U. – PRINCIPI COMUNI
CAPITOLO 2 TITOLO II T.U. – LUOGHI DI LAVORO
CAPITOLO 3 – TITOLO III T.U. – USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DPI
CAPITOLO 4 – TITOLO IV T.U. – CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI
CAPITOLO 5 – TITOLO V T.U. – SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO
CAPITOLO 6 – TITOLO VI T.U. – MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI
CAPITOLO 7 – TITOLO VII T.U. – ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI
CAPITOLO 8 – TITOLO VIII T.U. – AGENTI FISICI
CAPITOLO 9 – TITOLO IX T.U. – SOSTANZE PERICOLOSE
CAPITOLO 10 – TITOLO X T.U. – ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI
CAPITOLO 10-BIS – TITOLO X-BIS T.U. – PROTEZIONE DALLE FERITE DA TAGLIO E DA PUNTA NEL SETTORE OSPEDALIERO E SA-NITARIO
CAPITOLO 11 – TITOLO XI T.U. – PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE

PARTE II – ULTERIORI ARGOMENTI IN TEMA DI SICUREZZA SUL LAVORO
CAPITOLO 12 – ALCOL, SOSTANZE STUPEFACENTI E LAVORO
CAPITOLO 13 – AMBIENTI SOSPETTI D’INQUINAMENTO O CONFINATI
CAPITOLO 14 – ASCENSORI E MONTACARICHI
CAPITOLO 15 – ATTREZZATURE A PRESSIONE
CAPITOLO 16 – INCIDENTI RILEVANTI – SEVESO III, D.LGS. N. 105/2015
CAPITOLO 17 – INFORTUNI E MALATTIE PROFESSIONALI
CAPITOLO 18 – MACCHINE
CAPITOLO 19 – PREVENZIONE INCENDI
CAPITOLO 20 – RADIAZIONI IONIZZANTI
CAPITOLO 21 – REGOLAMENTO REACH E REGOLAMENTO CLP
CAPITOLO 22 – STRESS LAVORO CORRELATO
CAPITOLO 23 – TUTELA DEI MINORI E DELLE LAVORATRICI MADRI

********************

Se hai quello con copertina blu… è del 2016 …. aggiornalo con la nuova edizione 2017


Testo unico sicurezza PDF (dlgs 81/2008) aggiornato a maggio 2017, dal Ministero del lavoro la versione interattiva con note e commenti

29 maggio 2017 | Pubblicato in Sicurezza&Salute | Nessun Commento »

Da: http://biblus.acca.it/

È stata pubblicata la versione aggiornata a maggio 2017 del testo unico sicurezza in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro a cura del Ministero del lavoro.

Novità nella versione di maggio 2017:

inserite le circolari n. 21 del 07/07/2016, n. 23 del 22/07/2016, n. 28 del 30/08/2016; n. 11 del 17/05/2017
inserito l’Accordo Stato Regioni rep 128/CSR del 7 luglio 2016 finalizzato alla individuazione della durata e dei contenuti minimi dei percorsi formativi per i responsabili e gli addetti dei servizi di prevenzione e protezione, ai sensi dell’articolo 32 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modificazioni contenente altresì disposizioni modificative agli accordi del 21 dicembre 2011 ex art. 34, commi 2 e 3, del 21 dicembre 2011 ex art. 37, comma 2, del d.lgs. n. 81/2008 e del 22 febbraio 2012 ex art. 73, comma 5, del d.lgs. n. 81/2008 (G.U. Serie Generale n.193 del 19/08/2016)
sostituito il decreto dirigenziale del 21 luglio 2014 con il decreto dirigenziale del 1 agosto 2016 riguardante il quinto elenco dei soggetti abilitati ad effettuare i lavori sotto tensione in sistemi di II e III categoria
modifiche introdotte all’art. 4, comma 1, del decreto 9/07/2012 e agli allegati 3A e 3B ai sensi del decreto 12 luglio 2016, pubblicato sulla GU n.184 del 8/08/2016, in vigore dal 09/08/2016
modifiche introdotte agli articoli 206, 207, 208, 209, 210, 211, 212, 219, commi 1, lettere a) e b), e 2, lettere a) e b), all’allegato XXXVI, nonché l’introduzione dell’articolo 210-bis, previste dal decreto legislativo 1 agosto 2016, n. 159 (GU n.192 del 18/08/2016, in vigore dal 02/09/2016)
sostituito il decreto dirigenziale del 18 marzo 2016 con il decreto dirigenziale del 9 settembre 2016 riguardante il tredicesimo elenco dei soggetti abilitati per l’effettuazione delle verifiche periodiche di cui all’art. 71 comma 11
inserito il Decreto 25 maggio 2016, n. 183, recante “Regolamento recante regole tecniche per la realizzazione e il funzionamento del SINP, nonché le regole per il trattamento dei dati, ai sensi dell’articolo 8, comma 4, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81”, pubblicato sul S.O. alla G.U. n. 226 del 27 settembre 2016, Serie Generale
inserito il Decreto Interdirettoriale n. 35/17, che regolamenta il provvisorio rinnovo, per un periodo non superiore a centoventi giorni, decorrenti dalla data di scadenza delle rispettive iscrizioni, dell’iscrizione negli elenchi dei soggetti abilitati all’effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro, adottati con decreti direttoriali del 21 maggio 2012 e 30 luglio 2012, in scadenza rispettivamente al 21 maggio 2017 e al 30 luglio 2017
inseriti gli interpelli dal n.11 al n. 19 del 25/10/2016
modifiche agli articoli 18, comma 1-bis e 53, comma 6, nonché all’entrata in vigore dell’obbligo dell’abilitazione all’uso delle machine agricole, ai sensi dell’Accordo Stato-Regioni del 22/02/2012, introdotte dal decreto-legge 30 dicembre 2016, n. 244 (in G.U. 30/12/2016, n.304), convertito con modificazioni dalla L. 27 febbraio 2017, n. 19 (in S.O. n. 14, relativo alla G.U. 28/02/2017, n. 49), in vigore dal 30/12/2016
corretti i box sanzionatori degli artt. 153 e 155 (eliminata la sanzione a carico del preposto) e di tutti gli articoli sanzionati di cui al Titolo II (inserito tra i contravventori anche il dirigente)
eliminate la nota n. 33 (box sanzionatorio art. 26, comma 3, quarto periodo) e la nota n. 63 (art. 55, comma 5, lett. d.), nonché corrette le colorazioni dell’art. 26, comma 3, indicanti le norme sanzionate a causa di un refuso
inserito un commento personale nei box sanzionatori di cui agli artt. 225, 226, 228, 229, 235, 236, 239, 240, 241, 242, 248 e 254 per le sanzioni a carico del preposto
integrato il commento personale n. 37 a seguito della modifica normativa al comma 3 dell’art. 1 della Legge 177/2012 e dall’emanazione del decreto 11 maggio 2015, n. 82, recante “Regolamento per la definizione dei criteri per l’accertamento dell’idoneità delle imprese ai fini dell’iscrizione all’albo delle imprese specializzate in bonifiche da ordigni esplosivi residuati bellici, ai sensi dell’articolo 1, comma 2, della legge 1° ottobre 2012, n. 177” (LINK ESTERNO), pubblicato sulla G.U. n. 146 del 26/06/2015 ed entrato in vigore il 11/07/2015
Novità al testo di giugno 2016

Ecco il dettaglio delle modifiche agli articoli introdotte nella versione di giugno 2016:

articolo 20 – Obblighi dei lavoratori
articolo 28 – Oggetto della valutazione dei rischi
articolo 36 – Informazione ai lavoratori
articolo 37 – Formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti
articolo 50 – Attribuzioni del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza
articolo 222 – Definizioni
articolo 223 – Valutazione dei rischi
articolo 227 – Informazione e formazione per i lavoratori
articolo 228 – Divieti
articolo 229 – Sorveglianza sanitaria
articolo 234 (comma 1) – Definizioni
articolo 235 – Sostituzione e riduzione
articolo 236 (comma 4) – Valutazione del rischio
Sono state anche apportate modifiche agli allegati:

allegato XV – Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili
allegato XXIV – Prescrizioni generali per la segnaletica di sicurezza
allegato XXV (sezione 3.2) – Prescrizioni generali per i cartelli segnaletici
allegato XXVI (sezioni 1 e 5) – Prescrizioni per la segnaletica dei contenitori e delle tubazioni
allegato XLII – Elenco di sostanze, miscele e processi
Nella nuova versione, inoltre, vengono introdotti gli interpelli:

dal n. 6 al n. 10 del 2 novembre 2015
dal n. 11 al n. 16 del 29 dicembre 2015
dal n.1 al n. 4 del 21 marzo 2016
dal n. 5 al n. 10 del 12 maggio 2016
Inoltre sono apportate le seguenti modifiche:

sostituito il decreto dirigenziale del 29 settembre 2014 con il decreto dirigenziale del 18 marzo settembre 2016 – Dodicesimo elenco dei soggetti abilitati per l’effettuazione delle verifiche periodiche
inserita la lettera circolare prot. 2597 del 10/02/2016 – Redazione del POS per la mera fornitura di calcestruzzo
corretti gli importi nella circolare 33/2009 circa la sanzione per inottemperanza al provvedimento di sospensione
corrette le sanzioni per la violazioni dell’art. 80, comma 1, ed eliminate le note all’art. 80, comma 3-bis
corretto il quadro dei trasgressori di cui all’art. 72
inserito un estratto della circolare n. 26 del 12 ottobre 2015 e la nota prot. 19570 del 16 novembre 2015 sulle modifiche alla sospensione dell’attività imprenditoriale di cui all’art. 14
aggiornata, nelle copertine, la sezione del sito del Ministero (www.lavoro.gov.it – Temi e priorità – Salute e Sicurezza) dove è possibile scaricare la versione aggiornata del presente documento e corretti i link ai documenti esterni (in base agli aggiornamenti dei siti ministeriali)
corretto il riferimento al punto 2 lett. c) dell’allegato II, punto 3.2.3, del dm 11 aprile 2011 (in materia di verifiche periodiche successive alla prima)
inserite note riguardanti l’abrogazione della direttiva Direttiva 89/686/CEE sui dispositivi di protezione individuale a seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea del 31 marzo 2016, L 81/51 del nuovo Regolamento (UE) 2016/425 (il link esterno).

Clicca qui per scaricare il testo unico sicurezza aggiornato a maggio 2017


Percorso Sicurezza – MESE DI GIUGNO 2017

29 maggio 2017 | Pubblicato in Sicurezza&Salute | Nessun Commento »

Ecco i Corsi in partenza nel prossimo mese di Giugno:
– ASR Aggiornamento Lavoratori il giorno 05.06.2017 con orario 8.30 – 15.30, durata complessiva di 6 ore, presso CORTEM S.p.A. di Villesse (GO);
– Antincendio Aggiornamento il giorno 06.06.2017 con orario 8.00 – 13.00, durata complessiva di 5 ore, presso VALMET S.p.A. di Gorizia (GO);
– ASR Aggiornamento Lavoratori il giorno 12.06.2017 con orario 8.30 – 15.30, durata complessiva 6 ore, presso CORTEM S.p.A. di Villesse (GO);
– Antincendio Nuovi Addetti Rischio Medio il giorno 15.06.2017 con orario 8.00 – 17.00, durata complessiva di 8 ore, presso CORTEM S.p.A. di Villesse (GO);
– ASR Generale il giorno 20.06.2017 con orario 8.00 – 12.00, durata complessiva 4 ore, presso PRATIC F.lli ORIOLI S.p.A. di Fagagna (UD);
– ASR Aggiornamento Preposti il giorno 20.06.2017 con orario 10.30 – 17.30, durata complessiva 6 ore, presso CORTEM S.p.A. di Villesse (GO);
– ASR Nuovi Preposti il giorno 20.06.2017 con orario 8.30 – 17.30, durata complessiva 8 ore, presso CORTEM S.p.A. di Villesse (GO);

EXTRA CALENDARIO:
– ASR Specifica Rischio Alto nei giorni 10.06 e 17.06.2017 con orario 8.00 – 14.00, durata complessiva 12 ore, presso PRATIC F.lli ORIOLI S.p.A. di Fagagna (UD);
– CARRELLI SOLLEVATORI nei giorni 13.06 e 16.06.2017 con orario 8.30 – 15.30, durata complessiva 12 ore, presso STARK S.p.A. di Trivignano Udinese (UD);
– CARROPONTE il giorno 21.06.2017 con orario 8.30 – 15.30, durata complessiva di 6 ore, presso STARK S.p.A. di Trivignano Udinese (UD).

Tutti gli altri appuntamenti calendarizzati sono consultabili nella sezione “Accademia Percorso Sicurezza” al sito friuliantincendi.it scaricando i moduli di iscrizione.

Trovate allegati a questo post le relative schede di iscrizione, che dovranno pervenirci via mail complete di tutti i dati e firmate, entro i tempi indicati per ogni Corso.

Vi ricordiamo che il nostro Staff rimane sempre volentieri a disposizione per ogni tipo di chiarimento o per richieste specifiche.

Un cordiale saluto da
Lo Staff di Percorso Sicurezza

Paolo Grossa
progettopercorsosicurezza@gmail.com
342.8649468


Corso base di specializzazione Prevenzione Incendi – Gorizia – Apertura iscrizioni

26 maggio 2017 | Pubblicato in Sicurezza&Salute | Nessun Commento »

(grazie Isabella)

Comunicazione agli iscritti da parte della Segreteria dell’Ordine di Gorizia
Corso base di specializzazione Prevenzione Incendi – Gorizia – Apertura iscrizioni

CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI
finalizzato all’iscrizione negli elenchi del Ministero dell’Interno dei professionisti,
di cui all’art. 4 del D.M. 5 agosto 2011 (ex Legge 818/1984)

Gorizia, giugno/dicembre 2017

Presentazione
L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Gorizia organizza il Corso base di specializzazione in Prevenzioni Incendi, finalizzato alla iscrizione dei professionisti negli Elenchi del Ministero dell’Interno (D.M. 5 agosto 2011, art.4 ex Legge 818/1984).
Il corso è in attesa della Autorizzazione del Ministero dell’Interno.
Il corso si pone l’obiettivo di fornire ai professionisti le principali indicazioni metodologiche per definire, fin dalla fase ideativa, i requisiti di sicurezza antincendio integrati con gli altri requisiti di progetto.
II corso si articola in dodici moduli formativi per un totale di n. 120 ore di corso base oltre a n. 9 ore integrative, ed in relazione alla complessità degli argomenti trattati sono previsti test di verifica di apprendimento, a carattere didattico e non valutativo e la predisposizione di alcuni progetti di prevenzione incendi; sarà inoltre organizzata una visita presso una attività soggetta.
Ai fini dell’iscrizione negli elenchi ministeriali è obbligatorio il superamento dell’esame finale.
Il corso sarà tenuto presso apposita sala messa disposizione dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Gorizia.

> Programma del corso

Destinatari del corso
Ai sensi dell’art. 3 del D.M. 5 agosto 2011 possono iscriversi negli elenchi del Ministero dell’Interno i professionisti iscritti negli albi degli ingegneri, degli architetti-pianificatori paesaggisti e conservatori, dei chimici, dei dottori agronomi e dottori forestali, dei geometri e dei geometri laureati, dei periti industriali e periti industriali laureati, degli agrotecnici e agrotecnici laureati, dei periti agrari e periti agrari laureati. Possono iscriversi anche dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni.
I tecnici al momento non ancora iscritti ad un albo professionale possono comunque partecipare al corso base di specializzazione di prevenzione incendi, sostenere l’esame finale di idoneità e, in caso di esito positivo, acquisire il relativo attestato di frequenza.

Attestato di frequenza
L’attestato verrà rilasciato in base alla frequenza minima del 90% delle ore del corso base al netto dell’esame finale ed al superamento dello stesso.

Esame finale
L’esame di fine corso è articolato in una prova quiz di 50 domande a risposta multipla ed in una prova orale alla quale sono ammessi i candidati che abbiano risposto positivamente ad almeno 35 domande.
Il candidato che non risponderà positivamente a 35 domande, oppure non supererà positivamente la prova orale, potrà ripetere l’esame dopo un periodo di almeno un mese. In caso di ulteriore esito negativo, il candidato dovrà frequentare un nuovo corso.

Organizzazione
Il corso si terrà presso il Comando dei Vigili del Fuoco di Gorizia in via Leoni n. 33.

Le lezioni si svolgeranno a partire dal 7 giugno 2017 nelle giornate di mercoledì e venerdì, alternativamente una settimana solo il mercoledì e l’altra mercoledì e venerdì.
L’inizio delle lezioni è alle ore 14.30, il termine dei moduli di 6 ore è alle 20.30, quelli da 5 ore alle 19.30, quelle da 4 ore alle 18.30.

Il corso avrà avvio solamente con l’iscrizione minima di 30 persone.
La frequenza ha carattere obbligatorio e non possono essere ammessi all’esame i partecipanti che abbiano maturato assenze superiori al 10% del corso base.
Per il riconos cimento dei Crediti Formativi Professionali ogni partecipante dovrà fare riferimento alla segreteria del proprio Ordine/Collegio professionale per avere indicazioni in merito.
Per gli Ingegneri è prevista l’assegnazione di 120 CFP ai partecipanti ad almeno il 90% del corso.

Costi e modalità di adesione
La quota di partecipazione è di € 750,00 (IVA esente) ed è stata calcolata per numero minimo di 30 partecipanti.
Il costo dell’esame è di € 200,00 (IVA esente).
In caso di adesioni in numero m aggiore l’importo sarà rideterminato dall’Ordine tenendo conto del numero di adesioni effettive; in ogni caso la quota non potrà essere maggiore di quella già stabilita.

Il pagamento dovrà essere eseguito a mezzo bonifico bancario sul c/c intestato a Ordine degli Ingegneri della Provincia di Gorizia – Banca di Cividale – Gorizia Corso Verdi IBAN IT62P0548412401001574526154
come di seguito indicato:
€ 100,00.- all’iscrizione
€ 300,00.- entro il 30.06.2017
€ 350,00.- (o importo minore in seguito indicato) entro il 31.10.2017.

In caso di annullamento del corso la quota versata sarà restituita entro il 30.06.2017.

Per l’iscrizione al corso è necessario inviare una mail a segreteria@ordineingegneri.go.it con le proprie generalità ed effettuare il bonifico di acconto di € 100,00.
L’iscrizione deve essere fatta entro il 31.05.2017.

Per ulteriori informazioni si prega di rivolgersi all’Ordine Ingegneri della Provincia di Gorizia tel. 0481 534226


Il rischio zero non esiste

26 maggio 2017 | Pubblicato in Sicurezza&Salute | Nessun Commento »

PS: rinfresco un po’ di concetti di qualche tempo fa… sono ripetitivo? ok – portate pazienza


Ocjo al consulente – il Codice Etico

25 maggio 2017 | Pubblicato in Sicurezza&Salute | Nessun Commento »

Dopo un po’ di contributi (bravo Andrea!)
si è deliberato il seguente Codice Etico


Presidi utili in caso di emergenza!

25 maggio 2017 | Pubblicato in Sicurezza&Salute | Nessun Commento »

(bella procedura Marco!)


Diffamazione, la responsabilità penale del gestore di un “blog”

25 maggio 2017 | Pubblicato in Sicurezza&Salute | Nessun Commento »

Da: https://www.wired.it/

Quando e come è punibile il gestore di un blog su cui compaiono commenti diffamatorii?

di Avv. Luciano Daffarra C-Lex Studio Legale

Il tema della responsabilità penale del gestore di un “blog” (“web-log”, cioè diario in Rete) in caso di diffamazione commessa dai suoi utenti, sta di recente assumendo contorni nitidi grazie ai numerosi interventi interpretativi dei giudici. Nonostante questa evidente evoluzione, vi è ancora una tendenza, anche da parte di esperti della materia, a considerare le offese rivolte a terzi attraverso un social network o un sito web privato come non punibili, frutto del diritto alla diffusione “non professionale” di notizie o informazioni, anche dannose per i destinatari, a differenza di quanto accade per i siti web di quotidiani a stampa o online.

continua qui


DPR 177/2011: quando è applicabile?

25 maggio 2017 | Pubblicato in Sicurezza&Salute | Nessun Commento »

Da: https://www.puntosicuro.it/

Proviamo a fare chiarezza sull’applicabilità del DPR 177/2011 Attività in ambienti sospetti di inquinamento o confinati. A cura di Adriano Paolo Bacchetta.

Ma mano che passa il tempo, il DPR 177/2011 si rivela sempre più fonte di problemi applicativi e interpretativi, non solo da parte delle aziende che operano negli ambienti definiti come sospetti di inquinamento o confinati, e quindi anche dei consulenti che se ne occupano, ma anche per gli stessi Organi di vigilanza. Rileggendo più volte a distanza di tempo il testo del Decreto, infatti, una virgola o un termine, possono far cambiare il senso del periodo e, quindi, portare a rimettere in discussione certezze precedentemente acquisite.
Ovviamente, questo anche come conseguenza del continuo confronto con altre persone interessate ad approfondire criticità e portata del testo legislativo. Certo, potrei ripresentare punto per punto quanto ho già scritto sul tema anche recentemente su queste stesse pagine ( Spazi confinati e normativa: dubbi tanti e certezze poche) ma, questa volta, vorrei andare oltre la semplice elencazione di quello che non va nella normativa cogente.

continua qui


Responsabile scaffalature “PRSES” – Norma UNI EN 15635:2009

24 maggio 2017 | Pubblicato in Sicurezza&Salute | Nessun Commento »

Visti i video che “girano”, fermo restando che l’idiozia non si può arrestare con una semplice azione organizzativa… vengo a segnalare che la norma UNI EN 15635:2009 individua la figura: persona responsabile della sicurezza dell’attrezzatura di immagazzinaggio – PRSES – Persona nominata dalla direzione con la responsabilità di mantenere il funzionamento in sicurezza del sistema di stoccaggio del magazzino.
L’addetto PRSES deve essere istruito su come identificare il(i) fornitore(i) dell’attrezzatura di immagazzinaggio, contattarlo(i) e praticare l’addestramento necessario per il mantenimento dell’attrezzatura allo stato d’esercizio in sicurezza.
Il PRSES deve conoscere la natura delle attività svolte all’interno del magazzino e i pericoli ad esse associati sulla base di una valutazione dei rischi, nonché adottare le precauzioni per evitare o limitare tali pericoli mediante istruzioni e/o cartelli.
I mezzi di movimentazione meccanica devono essere guidati con cura e devono trasportare esclusivamente le unità di carico specificate. In caso di danno accidentale o altro, deve essere comunicato immediatamente all’addetto PRSES da qualsiasi persona che lo abbia rilevato o causato.
L’ispezione di tutte le attrezzature di immagazzinaggio dovrebbe essere effettuata sistematicamente su base regolare e normalmente eseguita partendo da terra, ossia il più esposto ai danni, salvo in caso di indicazioni di problemi specifici che necessitano di indagine. È necessario effettuare un’ispezione ad alto livello ed adottare un metodo sicuro di accesso al fine di effettuare l’ispezione. Non è consentita l’arrampicata libera.
La frequenza delle ispezioni dipende da una varietà di fattori che sono specifici del sito interessato e dovrebbero essere determinati dall’addetto PRSES in base alle condizioni operative di magazzino. Ciò deve tenere conto della frequenza e dei metodi operativi, unitamente alle dimensioni del magazzino, alle attrezzature utilizzate e al personale coinvolto: tutti potrebbero danneggiare la struttura. L’ispezione segue un approccio gerarchico che utilizza più livelli di ispezione.
Non è normale richiedere la rimozione degli accessori per la composizione dell’unità di carico per poter effettuare un’ispezione completa dello scaffale in modo che le aree che non sono visibili durante un esame siano visibili a vari stadi durante gli esami successivi. Il fattore di occupazione può richiedere che il PRSES debba indire esami più frequenti di scaffali che sono utilizzati regolarmente a pieno carico.
Resoconto immediato
Appena un problema o danno è rilevato da un dipendente, deve essere immediatamente riferito all’addetto PRSES.
Tutto il personale deve essere istruito in merito al funzionamento in sicurezza del proprio sistema e alla messa in sicurezza della propria persona e di terzi.
Ispezioni interne e di un esperto devono poi essere pianificate in base alla norma e alle istruzioni delle scaffalature.
Infine: attenzione a nuovi acquisti e ai requisiti sismici delle scaffalature nuove!


Locations of visitors to this page