BLOG FONZARNEWS

Conversione in legge del decreto liberalizzazioni: semplificazione nel procedimento di cancellazione dell’ipoteca nei mutui immobiliari

Questa notizia è stata tratta da: http://www.unindustria.pn.it

Il 3 aprile scorso è entrata in vigore la legge di conversione n. 40/2007 del decreto n. 7 del 31 gennaio 2007 recante “Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza, lo sviluppo di attività economiche e la nascita di nuove imprese”.

Approfondimenti
In particolare, i provvedimenti introdotti in materia di semplificazione nel procedimento di cancellazione dell’ipoteca nei mutui immobiliari sono ora disciplinati dall’art. 13 (dal comma 8-sexies al comma 8-quaterdecies) della citata legge e non più dall’art. 6 che è stato soppresso.

L’art. 13 dispone che:
– se il creditore è soggetto esercente attività bancaria, l’ipoteca a garanzia del contratto di mutuo si estingue automaticamente dalla data di avvenuta estinzione del mutuo stesso;
– il creditore è obbligato a rilasciare al debitore quietanza attestante la data di estinzione dell’obbligazione e a trasmettere al conservatore la relativa comunicazione entro 30 giorni (senza oneri per il debitore);
– entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del decreto liberalizzazioni, l’Agenzia del territorio determinerà le modalità di trasmissione della comunicazione;
– l’ipoteca non si estingue se, ricorrendo giustificato motivo, il creditore comunica all’Agenzia del territorio e al debitore la permanenza dell’ipoteca, entro 30 giorni successivi alla scadenza dell’obbligazione. In tal caso l’Agenzia provvede, entro il giorno successivo al ricevimento, all’annotazione in margine all’iscrizione dell’ipoteca. Altrimenti decorsi 30 giorni dalla data di estinzione dell’obbligazione il conservatore procede d’ufficio, entro il giorno successivo, alla cancellazione dell’ipoteca. Fino all’avvenuta cancellazione il conservatore rende noto ai terzi che ne facciano richiesta la comunicazione di quietanza rilasciata dal creditore;
– le nuove regole si applicano dal sessantesimo giorno successivo alla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto liberalizzazioni. Dalla stessa data decorre il termine di 30 giorni per la comunicazione, da parte dei creditori, della quietanza o della permanenza dell’ipoteca. Sempre dal sessantesimo giorno sono nulle le clausole contrattuali contrastanti le nuove disposizioni, senza, però, comportare la nullità del contratto;
– per i mutui estinti prima della data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto e la cui ipoteca non sia stata ancora cancellata alla medesima data, il termine entro il quale il creditore è obbligato a rilasciare la quietanza decorre dalla data in cui il debitore la richiede con lettera raccomandata con avviso di ricevimento.

Commenti

Devi essere iscritto per lasciare un commento ISCRIVIMI SUBITO