BLOG FONZARNEWS

Sicurezza degli impianti: prorogata l’applicazione del Capo V del Testo Unico dell’Edilizia sino all’emanazione del regolamento di riordino del settore e comunque non oltre al 31/12/07 (Legge n. 17/07)

Questa notizia è stata tratta da: http://www.unindustria.pn.it

Con la Legge 26 febbraio 2007 n. 17, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 47 del 26/02/07, è stata disposta la “Conversione in Legge del Decreto Legge n. 300 del 28 dicembre 2006, recante la proroga di termini previsti da disposizioni legislative”.

Approfondimenti
In particolare l’articolo 3, comma 1 del nuovo provvedimento, che è in vigore dal 26 febbraio 2007, in sintesi dispone una ulteriore proroga al 31 dicembre 2007 (in precedenza era stata prevista dal Decreto Legge sino al 31 maggio 2007), dell’entrata in vigore delle disposizioni previste dal capo V (norme per la sicurezza degli impianti) del D.P.R. n. 380/01 (Testo Unico dell’Edilizia).

La proroga in questione si è resa necessaria al fine di consentire l’emanazione dell’apposito regolamento legislativo che disciplinerà ex novo le disposizioni in materia di sicurezza degli impianti.

Dalla data di entrata in vigore del regolamento in questione, saranno abrogati:
– la Legge n. 46/90, recante “Norme per la sicurezza degli impianti”. L’abrogazione in questione non trova applicazione per gli articoli 8 (finanziamento per le attività di normazione tecnica), 14 (Verifiche) e 16 (Sanzioni) della citata Legge. Per quanto attiene le sanzioni, viene disposto il raddoppiamento delle stesse;
– D.P.R. n. 447/91, recante il “Regolamento di attuazione della Legge n. 46/90”;
– degli articoli da 107 a 121 (ovvero il capo V – Sicurezza degli impianti) del D.P.R. n. 380/01 (Testo Unico dell’Edilizia).

Infine riteniamo opportuno ricordare che la proroga al 31 dicembre 2007 non trova applicazione per gli impianti installati negli edifici scolastici di ogni ordine e grado, i quali sono assoggettati alle disposizioni previste dal D.P.R. n. 380/01 e dalla Legge n. 46/90 a partire dal 3 agosto 2003 (ai sensi della Legge n. 200/03). Pertanto le imprese che effettuano l’attività d’installazione, trasformazione e manutenzione degli impianti in questione ed installati negli edifici scolastici devono essere iscritti all’Albo degli impiantisti della Camera di Commercio ove ha sede l’impresa, ai sensi della Circolare del Ministero delle Attività Produttive n. 3584/C.
http://www.minindustria.it/pdf_upload/documenti/phppBfEee.PDF

——————-

Legge 26 febbraio 2007 n. 17.
Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 28 dicembre 2006, n. 300, recante proroga di
termini previsti da disposizioni legislative. Disposizioni di delegazione legislativa.
Pubblicata nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale 26 febbraio 2007 n. 47.
Art. 1.
1. Il decreto-legge 28 dicembre 2006, n. 300, recante proroga di termini previsti da disposizioni
legislative, è convertito in legge con le modificazioni riportate in allegato alla presente legge.
2. Il termine di un anno previsto dall’articolo 20-bis, comma 1, della legge 29 luglio 2003, n. 229,
per l’adozione di decreti legislativi integrativi e correttivi del decreto legislativo di cui all’articolo 11
della medesima legge, è prorogato di un anno.
3. Il Governo è delegato ad adottare, entro il 31 luglio 2007, uno o più decreti legislativi recanti
ulteriori disposizioni occorrenti per l’adattamento dell’ordinamento giuridico italiano ai principi e
alle norme della Convenzione sui diritti dell’uomo e sulla biomedicina, fatta a Oviedo il 4 aprile
1997, nonchè del Protocollo addizionale del 12 gennaio 1998, ratificata ai sensi della legge 28
marzo 2001, n. 145.
4. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella
Gazzetta Ufficiale.
Allegato
Modificazioni apportate in sede di conversione al decreto-legge 28 dicembre 2006, n. 300
Artt. 1 e 2 – omissis
Art. 3.
Disposizioni in materia di costruzioni, opere
infrastrutturali e lavori in edilizia.
1. Il termine previsto dall’articolo 1-quater, comma 1, del decreto-legge 12 maggio 2006, n. 173,
convertito, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 2006, n. 228, è prorogato fino alla data di
entrata in vigore del regolamento recante norme sulla sicurezza degli impianti, di cui all’articolo 11-
quaterdecies, comma 13, lettera a), del decreto-legge 30 settembre 2005, n. 203, convertito, con
modificazioni, dalla legge 2 dicembre 2005, n. 248, e, comunque, non oltre il 31 dicembre 2007. A
decorrere dalla data di entrata in vigore del regolamento di cui al primo periodo del presente
comma, sono abrogati il regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 dicembre
1991, n. 447, gli articoli da 107 a 121 del testo unico di cui al decreto del Presidente della
Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, e la legge 5 marzo 1990, n. 46, ad eccezione degli articoli 8, 14 e
16, le cui sanzioni trovano applicazione in misura raddoppiata per le violazioni degli obblighi
previsti dallo stesso regolamento di cui al primo periodo del presente comma.
2. All’articolo 1, comma 452, della legge 30 dicembre 2004, n. 311, relativo al completamento degli
interventi infrastrutturali per l’integrale attuazione della Convenzione tra l’Italia e la Francia,
conclusa a Roma il 24 giugno 1970, di cui alla legge 18 giugno 1973, n. 475, le parole: « alla data
di entrata in vigore della presente legge» sono sostituite dalle seguenti: «alla data del 31 dicembre
2005».
3. I verbali di concordamento dell’indennità di espropriazione e di rinuncia a qualunque pretesa
connessa alla procedura di esproprio, relativi alla realizzazione degli interventi di cui al titolo VIII
della legge 14 maggio 1981, n. 219, conservano la loro efficacia indipendentemente
dall’emanazione del decreto di espropriazione.
3-bis. L’articolo 9, comma 2, del decreto legislativo 20 settembre 1999, n. 354, e successive
proroghe, si interpreta come applicabile esclusivamente alle occupazioni d’urgenza preordinate
all’espropriazione.
3-ter. L’efficacia delle disposizioni di cui all’articolo 1, comma 1030, lettera d), numero 1),
capoverso c), della legge 27 dicembre 2006, n. 296, è differita al 1° gennaio 2008, limitatamente ai
lavori e alle forniture per la manutenzione delle infrastrutture.
4. Il termine per il completamento degli investimenti per gli adempimenti relativi alla messa a
norma delle strutture ricettive, previsto dall’articolo 14, comma 1, del decreto-legge 9 novembre
2004, n. 266, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 306, è ulteriormente
prorogato al 31 dicembre 2007 per le imprese che abbiano presentato la richiesta di nulla osta ai
vigili del fuoco entro il 30 giugno 2005.
4-bis. Il termine di cui al comma 2-bis dell’articolo 5 del decreto-legge 28 maggio 2004, n. 136,
convertito, con modificazioni, dalla legge 27 luglio 2004, n. 186, è prorogato al 31 dicembre 2007.
Alle Amministrazioni aggiudicatrici che, ai sensi del predetto comma, abbiano affidato lavori o
avviato progetti definitivi o esecutivi, avvalendosi della facoltà di applicare la normativa previgente
sulla medesima materia, di cui alle leggi 5 novembre 1971, n. 1086, e 2 febbraio 1974, n. 64, e
relative norme di attuazione, le precedenti norme tecniche continuano ad applicarsi fino alla data
dell’intervenuto collaudo.
Artt. 3bis a 6 – omissis

————————-

Commenti

Devi essere iscritto per lasciare un commento ISCRIVIMI SUBITO