BLOG FONZARNEWS

Sicurezza sulle strade: non solo questione di Codice

Non ? un mistero che molti degli incidenti che si verificano per le strade siano da attribuire a comportamenti non corretti dei guidatori: eccessiva velocit?, distanze non rispettate, precedenze non date? Il campionario ? veramente vasto e anche sin troppo tristemente comune.
Quando si parla di sicurezza stradale, dunque, viene naturale pensare soprattutto all?attore principale: il guidatore. Tuttavia non bisogna dimenticare che uno dei primi fattori di sicurezza ? l?adeguata progettazione dell?ambiente stradale. Un campo sul quale l?attivit? normativa registra senz?altro una notevole attivit?.

Le infrastrutture rappresentano una variabile importante, al pari di altri fattori, nel determinare o meno effettive condizioni di sicurezza sulla strada: la qualit? dell?asfalto, la segnaletica orizzontale, l?illuminazione, i semafori ed altri dispositivi di regolazione del traffico, ecc? Diventa dunque fondamentale individuare materiali adeguati, procedure idonee, caratteristiche tecniche precise, attivit? di prova affidabili in grado di garantire un elevato standard di sicurezza. In questo contesto la normazione tecnica ? in grado di fornire una vasta gamma di documenti particolarmente utili.
In seno all?UNI ? Ente nazionale italiano di unificazione ? ? la commissione tecnica ?Costruzioni stradali ed opere civili delle infrastrutture? ad occuparsi in buona parte di queste tematiche, mentre in ambito europeo la commissione tecnica di riferimento ? la CEN/TC 226 Road Equipment.

A riprova di una attivit? tecnica particolarmente intensa, baster? ricordare un dato gi? di per s? piuttosto chiaro: tra il 2004 e i primi mesi del 2005 le norme tecniche pubblicate da UNI, attraverso i lavori della commissione tecnica ?Costruzioni stradali ed opere civili delle infrastrutture?, sono state ben 60 e riguardano argomenti vari, tra cui: iluminazione pubblica, segnaletica orizzontale e verticale, schermi anti-abbagliamento, pavimentazione…
Solo tra dicembre e febbraio le norme pubblicate sono 14, segno di un’attivit? intensa, oltre che ovviamente molto diversificata: il campo ? indubbiamente ampio e comprende i pi? vari aspetti che rientrano sotto l’articolata denominazione di infrastrutture stradali. Cos? la normazione ? intervenuta nei mesi scorsi nel campo delle miscele bituminose per asfalti, nel calcestruzzo per pavimentazioni, nonch? nei dispositivi per la riduzione del rumore da traffico stradale (norma UNI EN 14389-2:2005).
Elementi eterogenei, sicuramente, ma tutti uniti dal comun denominatore della qualit? e quindi anche della sicurezza.

Un esempio significativo di intervento normativo ad alto carattere tecnico, ma che disciplina un aspetto di grande importanza quando si parla di sicurezza sulle strade ? la norma UNI EN 12676-1:2004, pubblicata circa un anno fa. Essa specifica le caratteristiche di schermi anti-abbagliamento, applicati su barriere stradali di sicurezza, in termini di efficacia ottica e prestazioni meccaniche. Al di l? dei ?tecnicismi? che possono far apparire l?argomento della norma non troppo immediato o poco significativo, ? forse opportuno ricordare che uno dei fattori pi? pericolosi, quando ci si trova alla guida di un veicolo, ? l?abbagliamento a cui si ? soggetti quando le luci incontrano una superficie pienamente riflettente.
Gli schermi anti-abbagliamento sono pertanto generalmente installati sulle strade di pubblico passaggio, in particolare negli spartitraffico al centro di strade ed autostrade a doppio senso di marcia, oppure in aree adiacenti alla strada ove siano situati installazioni od edifici che siano fonte di luce abbagliante. La norma contiene dunque i requisiti tecnici di prestazione per far s? che gli schermi installati sulle strade adempiano in maniera ottimale il loro compito di ?bloccare i raggi incidenti?, ossia ridurre il livello di luce che altrimenti abbaglierebbe il conducente in determinate condizioni di viabilit?. In questo contesto si distinguono due tipi di prodotto:
quelli progettati per bloccare completamente i raggi incidenti (per i quali deve essere soddisfatta una precisa condizione geometrica frutto di una specifica equazione);
quelli progettati per bloccare parzialmente i raggi incidenti, pur soddisfacendo precisi valori soglia di schermatura.
L?appendice A della presente norma stabilisce infine i metodi per calcolare l?altezza effettiva di uno schermo anti-abbagliamento, per far s? che questo risulti efficace in presenza sia di veicoli leggeri che di veicoli pesanti (in considerazione dunque della variabilit? di altezza rispetto alla carreggiata tanto delle luci del veicolo quanto del conducente stesso).
I requisiti illustrati nella norma soddisfano le disposizioni della direttiva 89/106/CEE sui prodotti da costruzione, in particolare per quanto concerne il sistema di attestato di conformit? (gli schermi anti-abbagliamento devono ovviamente essere provvisti della marcatura CE).

All?esempio sopra riportato se ne potrebbero affiancare molti altri; basterebbe, a tal fine, ricordare la norma UNI 11095 ? ?Illuminazione delle gallerie?, ad opera della commissione tecnica UNI ?Luce e illuminazione?, che pur non avendo per oggetto in senso stretto una specifica infrastruttura stradale, fornisce ?le prescrizioni per l?illuminamento delle gallerie in modo da garantire il corretto livello di percezione visiva all?interno delle stesse? e nelle zone immediatamente adiacenti. Il documento normativo fornisce precisi valori di luminanza ? nella zona di entrata, nella zona interna e nella zona di uscita ? atti a garantire adeguati livelli di sicurezza per il guidatore.
Sempre nel 2004 sono state pubblicate le norme UNI sui materiali per la segnaletica orizzontale (UNI EN 1423:2004; UNI EN 1424:2004; UNI EN 1436:2004; UNI EN 1463-1:2004) o sui pali per illuminazione pubblica (UNI EN 40-3-3:2004; UNI EN 40-6:2004).

Ovviamente la presenza di infrastrutture stradali a norma non pu? esentare il guidatore dall?ottemperare con scrupolo ed attenzione le normali e corrette regole di circolazione: nella sfera delle azioni e dei comportamenti individuali la norma tecnica non pu? entrare!
————————-
Questa notizia ? stata tratta da: www.qec.it

Commenti

Devi essere iscritto per lasciare un commento ISCRIVIMI SUBITO